Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

So. Cu. Karate Club Legnano al Campionato della Insubria

A Caronno Varesino, prima tappa dell’undicesima edizione del Campionato della regione Insubria di Karate promosso dalla F.I.J.L.K.A.M. che si pone come obiettivo quello di consentire agli atleti tesserati a società del territorio della regione e limitrofi una maggiore possibilità di esperienza agonistica, nonché di crescita personale, in particolar modo per quanto concerne bambini e ragazzi.  

Anche quest’anno gli atleti della So. Cu. Karate Club Legnano hanno preso parte a tale appuntamento ottenendo buoni risultati:

Massimiliano Abbruzzi e Elisa Peconio, al loro esordio come agonisti, si sono infatti classificati al terzo posto delle rispettive categorie di combinata.

Dopo un lunghissimo stop, è tornato a calcare il tatami, nella specialità Kumite, anche il “Master C” Salvatore di Salvo che ha avuto la meglio in una pool con un ristretto numero di partecipanti.

Conferme per Ferrario Lucilla e Rossini Giorgia nel Kata con un ottimo terzo posto pari merito.
Tutti questi atleti prenderanno parte anche ai prossimi cinque appuntamenti che avranno luogo sino alla primavera del prossimo anno.

I risultati ottenuti confermano la bontà del lavoro svolto in palestra da parte del Presidentissimo Carlo Panizzi e del suo staff composto in toto da tecnici federali: Andrea Bozza, Thomas Campulla, Roberto Galati e Luca Lenna; i quali hanno ereditato il timone della So. Cu. Karate che da oltre 40 anni svolge la propria attività in sinergia con il territorio dell’oltrestazione e del rione Ponzella (presso la palestra in Via Parma).

Particolare attenzione viene dedicata agli atleti in età prepuberale, concentrando le attività nello sviluppo delle capacità coordinative e degli schemi motori di base, in base al principio che contempla in primis l’importanza di uno sviluppo motorio generale dell’individuo e solo successivamente introducendo elementi tecnici del Karate.

Le attività vengono inoltre pianificate con una logica multidisciplinare con l’intento di abbracciare tutte le anime dell’arte del Karate, con allenamenti mirati sia per coloro che prediligono Kata che Kumite.

Di pari passo con le attività agonistiche vengono organizzati allenamenti specifici anche per coloro che intendono praticare Karate a livello amatoriali.
 

(Sergio La Torre)