Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Judoka varesini e dell'alto milanese in evidenza

Siamo quasi alla fine dell’anno solare, incombono le feste di Natale, ma l’attività dei nostri judoka non si ferma.

Primi a scendere sul tatami di Ostia Manuel Ghiringhelli (Robur et Fides Varese) e Simone Andriani (Kokoro Dai Cairate) che hanno brillantemente superato l’esame di istruttori di judo.

Ghiringhelli Manuel (cintura nera 4° dan) dopo aver terminato l’attività agonistica con un palmares di 6 medaglie ai campionati nazionali e vestendo la maglia azzurra, ha intrapreso quella di insegnante raggiungendo oggi il grado di istruttore.
Un curriculum di tutto rispetto per il giovane insegnante che sta diventando sempre più il punto di riferimento della società di via Marzorati.
Andriani Simone cintura nera 5° dan già allievo del Maestro Marco Ghiringhelli e collaboratore all’inizio della sua esperienza di insegnamento del Maestro Raineri Perego presso il Judo Club Castellanza, oggi con la qualifica di istruttore continua la sua opera con grande  impegno e passione nella società di Boladello di Cairate nella quale collabora da diversi anni .

A Nocera Inferiore per il Gran Prix Cadetti e Junior folta la presenza dei nostri atleti che si sono ben comportati cogliendo un terzo posto con Christian Sagunti (CSG Busto Garolfo) e due quinti con Emma Ferracini ed Angelica Zanesco (Pro Patria Busto Arsizio).

Christian Sagunti conquista il bronzo nella categoria cadetti al limite dei 90 kg.
Tre incontri con uno score di due vittorie ottenute nei confronti di De Matin Riccardo (Judo Tamai) e Avagliano Fabrizio (Kodokan Brienza) ed una sconfitta in semi finale contro il vincitore di giornata Verdirame Raffaele (Koizumi Scicli).

Sei incontri con quattro vittorie non sono sfortunatamente sufficienti ad Emma Ferracini per salire sul podio.

Guidata in sedia dal tecnico Pella Olimpio, Emma vince i primi due incontri su Prasciolu Michela (Judo Ceracchini) e Musso Ottavia (Pol. Astigiana) perdendo poi contro la forte Russo Sara (Akiyama Settimo T.se) che risulterà la vincitrice della categoria al limite dei 52 kg cadetti.

Approdata ai recuperi vince contro Zibellini Priscilla (Nuova Florida) e De Nardi Angela (Vittorio Veneto) approdando così alla finale per il bronzo dove perde contro Sciacovelli Micaela (Kan Ku Dai Bari).

Presente in categoria anche l’altra rappresentante della Pro Patria Melis Alice che esce al primo incontro con Foltran Marina (Judo Vittorio Veneto)

Quinto posto nella categoria +70 kg cadette anche per Angelica Zanesco, apparsa un po’ sottotono rispetto al solito, probabilmente a causa di un fastidio al ginocchio che la sta limitando sia nei movimenti che negli allenamenti.

Quattro incontri disputati con due vittorie nei confronti di Lupo Katia (Kodokan Brienza) e Di Spigna Sara (Judo Forio) e due sconfitte contro Giannelli Sara (J. C. Camerano) e Marini Tiziana (Ottavia Roma).

             Undicesimo posto per Troisi Alberto (Judo Club Legnano) e Galeoto Nikolò (Judo Club Parabiago) categoria cadetti al limite dei 60 kg e Petrolo Emma (Bu Sen Luino).

Troisi vince contro Nannicini Filippo (Izumo Sport) e perde contro Zanetti Filippo (J.C. Segrate)

Cinque incontri disputati intensamente e ben condotti per Galeoto Nikolò con vittorie su Maschio Gabriele (Multisport Judo), Farulla Niccolò (Sharin Judo Savona) e Cenedese Sean (Judo Treviso) e sconfitte contro Capuano Biagio (Giovani Talenti) e Manzi Aris (Airon Furci Judo 90).

Petrolo Emma inizia bene la sua categoria cadette al limite dei 70 kg con una vittoria su Paglialonga Giorgia (Judo Ruffano) ma esce sconfitta dall’incontro con Tarba Claudia (Banzai Cortina Roma) che non la ripesca.

Tra gli junior da segnalare il settimo posto di Martina Pancaldi (judo Club Parabiago), all’esordio nella categoria al limite dei 57 kg e l’undicesimo di Borsani Samuele (Judo Club Castellanza) che vince l’incontro d’esordio contro Paparella Giovanni (Angiulli Bari) e perde contro Venè Federico (Sef Stamura An) che terminerà al terzo posto la categoria al limite dei 73 kg e non lo recupera avendo a sua volta perso contro Sagliocco Valerio (Banzai Cortina Rm) vincitore della categoria.

Complimenti a Samuele, primo anno junior, per i progressi mostrati.

Per concludere la parte agonistica a Bologna per il 16 trofeo E. Giovagnotti presenti Andriani Mattia (Kokoro Dai Cairate) e Pirotta Matteo (Robur et Fides Varese) nella categoria kg 81 cinture marroni

Entrambi i nostri judoka salgono sul podio, Andriani vince tre dei quattro incontri che disputa piazzandosi al secondo posto, arrendendosi in finale solamente ad un forte atleta di Bolzano. Con questo risultato Mattia conquista gli ultimi punti necessari per la conquista della cintura nera per la gioia del Kokoro Dai che vede il suo primo atleta agonista di judo raggiungere questo traguardo e del padre Simone che da anni lo segue e lo prepara. Bronzo per Pirotta che vince anche lui tre dei quattro incontri disputati.

A Somma Lombardo per le categorie non agonistiche si è svolto il tradizionale trofeo organizzato dal Ken Kyu Kai.

Tantissimi bambini come sempre si sono dati appuntamento nel palazzetto dove sono stati accolti dal cordiale e disponibile staff dell’associazione di Somma.

Come sempre il maestro Pitrelli, quest’anno anche intervistato da Rai3, ha fatto da coordinatore sia la mattina dove si è tenuto l’incontro a squadre che al pomeriggio quando si sono dati appuntamento i più piccoli per la lotta a terra.

Raineri Perego delegato provincia di Varese Fijlkam


Queste le classifiche

Categoria fanciulli

1. Unisport

2. Akiyama - A

3. Akiyama - B e judo Invorio

5. Ken kyu kai e Le sorgive

Categoria ragazzi

1. Ken kyu kai e centro judo bra
3. Akiyama A e Akiyama C

Classifica generale

1. Akiyama 26 punti

2. Ken Kyu Kai 14 punti

3. Unisport e Centro Judo Bra 10 punti

5. Judo invorio 6 punti

6. Le Sorgive 4 punti