Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

A "Green Book" l'Oscar 2019

È "Green Book" che si aggiudica la statuetta più importante della serata, quella di miglior film. A farne le spese "Roma" di Alfonso Cuaron, che si porta a casa l’Oscar come miglior film straniero, miglior fotografia e miglior regia, consegnando di fatto al regista il trofeo di miglior personaggio di serata. E se per il premio di miglior attrice non ci sono state sorprese particolari, con la vittoria di Olivie Colman ("La favorita"), non possiamo dire la stessa cosa per la controparte maschile: è Rami Malek a vincere la statuetta più ambita da ogni attore Hollywoodiano. Peccato per Cristian Bale, a mio parere più meritevole della statuetta.

Migliori attori non protagonisti sono Regina King ("Se la strada potesse parlare") e Mahershala Ali ("Green Book"): per quest’ultimo si tratta del secondo Oscar in tre anni, direi niente male per l’attore afroamericano.

Il premio come migliore sceneggiatura originale va a "Green Book" e quello come migliore sceneggiatura non originale va a "BlacKKKlansman": Spike Lee, uno dei grandi snobbati dall’Academy, si porta a casa il suo primo Oscar che conta.

Questa 91° edizione si è conclusa in maniera bilanciata, non c’è stato un film che si è imposto su gli altri, lontani i tempi di "Titanic" o "Il signore degli anelli", autentici mattatori da Oscar.

Per quanto possa essere d’accordo sulla statuetta per "Green Book" come miglior film, non posso non esprimere un certo stupore per la mancata vittoria di "Roma". Un po’ come quando "Moonlight" vinse contro "La La Land": il solito caso in cui il secondo è meglio del primo, ma questa è solo un’opinione personale.

Se non altro, la cosa più importante è che i film di qualità non sono mancati: tanti film diversi tra loro, una caratteristica fondamentale che ha fatto vincere la diversità. «Non ci sono muri che possono contenere il talento», ha ben detto Cuaron.

Vi lascio con la lista dei vincitori.

Miglior film
Green Book

Migliore regia
Alfonso Cuaron, Roma

Migliore attrice protagonista
Olivia Colman

Migliore attore protagonista
Rami Malek

Migliore attore non protagonista
Mahershala Ali, Green Book

Migliore attrice non protagonista
Regina King, Se la strada potesse parlare

Migliore sceneggiatura originale
Green Book

Migliore sceneggiatura non originale
BlacKkKlansman

Miglior fotografia
Roma, di Alfonso Cuaron

Miglior colonna sonora
Shallow, A Star is Born

Miglior montaggio
Bohemian Rhapsody

Miglior film straniero
Roma

Miglior documentario
Free Solo

Miglior trucco e acconciatura
Vice – L’uomo nell’ombra

Migliori costumi
Ruth Carter, Black Panther

Miglior mixaggio
Bohemian Rhapsody

Miglior sonoro
Bohemian Rhapsody

Miglior film d’animazione
Spiderman- Un nuovo universo

Miglior cortometraggio d’animazione
Bao

Miglior cortometraggio documentario
Period – End of sentence!

(J.J. Bustamante)