Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Arresti a Legnano, La7 riduce tutto a una foto taroccata e a un cane morto

Costretti alle ore piccole, diciamola tutta, siamo rimasti profondamente delusi dall'atteso servizio di "Piazza Pulita" sull'emittente LA7 con argomento la crisi politica legnanese e i recenti arresti dei nostri amministratori pubblici.

     I pedinamenti della troupe ai vari personaggi (Fratus, Lazzarini, Guidi) non hanno portato ad alcuna novità particolare. Sembrava più una puntata delle Iene, che una profonda e attenta indagine politica. Sembrava che la troupe arrivata a Legnano avesse in tasca un copione dal quale non doveva derogare. Basta ricordare il girato alla conferenza stampa in Euro.Pa e nessuna immagine mandata in onda.

Soltanto il segretario della Lega, Mirko Gramegna, si è concesso al microfono dell'intervistatore, tenendo botta alle sue considerazioni, relative alla nota fotografia del gruppo padano, con i volti cancellati di Antonio Guarnieri e Francesca Farina.

 Ecco, proprio quest'ultima è stata la figura principale della tarda serata (il video è andato in onda a mezzanotte inoltrata). Nell'intervista rilasciata, più che il contenuto politico,  ha colpito la nuova versione sulla morte violenta del cane di famiglia. Sabato 13 aprile l'ex consigliera comunale, attraverso una nota stampa, dichiarava che "non accusiamo nessuno e non abbiamo mai strumentalizzato questa vicenda ne' a livello personale ne' politico".
Nella trasmissione televisiva, parlando appunto della decisione di dimettersi, la svolta sulla morte del cane. Farina, infatti, ha ricordato che "il giorno dopo ho trovato la rete di casa tagliata e il mio cane, diciamo casualmente, morto per un atto violento".  Una correlazione di fatti, almeno per noi, assolutamente nuovi, e appresi durante la trasmissione.

In studio il contraddittorio è stato rappresentato da Roberto Maroni che ha definito Fratus "persona assolutamente onesta e rispettosa delle leggi" e quindi, proprio facendo riferimento all'attualità, ha citato il caso di Giuseppe Orsi, presidente Finmeccanica arrestato nel 2013 per corruzione internazionale e ieri assolto dalla Cassazione. Così, l'ex governatore della Lombardia ha raccomandato: "Queste accuse contro Fratus vanno dimostrate e per un giudizio serio bisogna conoscere bene la struttura dei bandi sui quali si è concentrata l'indagine".

Una foto taroccata e un cagnolino morto in circostanze non chiare. Per La7, la crisi di Legnano è tutta qui? Delusi. 

Per rivedere la trasmissione, clicca qui

(Marco Tajè)