Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Coronavirus e i ristoranti: "Nessuna preoccupazione per il cibo"

Stiamo tranquilli. Possiamo continuare a frequentare i nostri ristoranti preferiti, senza la preoccupazione di cibi contaminati dal Coronavirus cinese.

      La rassicurazione arriva da Francesco Wu, imprenditore legnanese referente in Confcommercio Milano per l'imprenditoria straniera e presidente onorario dell'Unione Imprenditori Italia-Cina. Intervistato dall' Agenzia Ansa e dal sito Alanews.it, Wu ha ricordato che "anche nel 2003, con la Sars, in Italia vennero istituiti controlli soltanto in aeroporto. In ambito di ristorazione, poi, bisogna ricordare che  il virus non si propaga attraverso il cibo. Tutti i prodotti freschi provengono dall'Europa, evitando così il rischio di un contagio".

Il momento, tuttavia, è tale da poter influire negativamente sull'economia della ristorazione, ma Wu, ne è convinto, "non in maniera così rilevante da creare troppa preoccupazione".

(Marco Tajè)