Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Giuseppe Mele nuovo vicario del commissario prefettizio Cirelli in Comune

Giuseppe Mele è il nuovo braccio destro del viceprefetto Cristiana Cirelli a Palazzo Malinverni: al commissario prefettizio al quale ormai da maggio sono affidate le sorti del Comune di Legnano, infatti, la Prefettura di Milano ha deciso di affiancare un vicario, individuato proprio nell'ex segretario generale del capoluogo meneghino ai tempi dell'amministrazione guidata da Letizia Moratti.

Mele ha alle spalle un lungo curriculum nelle stanze della pubblica amministrazione, dove oltre ad essersi occupato delle sorti di Palazzo Marino è stato anche direttore generale della Provincia di Monza e Brianza, segretario generale della Provincia di Brescia e della Provincia di Lodi e segretario generale del Comune di Como, giusto per fare qualche esempio.

A Legnano la sua presenza permetterà di garantire un "presidio" più continuo in Comune: alle due mezze giornate in cui è abitualmente presente il commissario Cirelli, infatti, se ne aggiungeranno altre due dove a Palazzo Malinverni ci sarà il suo vice. Che, secondo un'ipotesi che non trova ancora conferma ufficiale ma pare al momento la più accreditata, sarà verosimilmente chiamato ad occuparsi della situazione delle partecipate.

Scelta, quella della Prefettura, dettata quindi con ogni probabilità dalla necessità di rispondere nel modo più puntuale possibile alle esigenze organizzative di Legnano. Anche perchè per la Città del Carroccio al momento l'orizzonte rimane incerto, con la procedura di scioglimento del consiglio comunale avviata lo scorso 12 luglio che ancora non si è conclusa da un lato, e le vicende giudiziarie che lasciano supporre che per il sindaco Gianbattista Fratus si potrebbero profilare altri mesi di arresti domiciliari dall'altro. E sullo sfondo rimane il ritorno alle urne della primavera prossima.   

(Leda Mocchetti)