Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rescaldina, approvato all'unanimità il piano diritto studio

Rescaldina approva il piano diritto allo studio 2019-2020. Il consiglio comunale di venerdì scorso ha dato il via libera al documento. Un atto che, come spiega lo stesso assessore all'istruzione Enrico Rudoni, ricalca il piano diritto allo studio dell'anno precedente, «sia nella struttura sia per quel che riguarda gli investimenti economici».

I PUNTI PRINCIPALI DEL PIANO - Nel nuovo piano confermato lo stanziamento di 60,50 euro per ciascun alunno residente e rifinanziati in ugual misura alcuni servizi (come ad esempio lo sportello di ascolto socio-pedagogico, il pre-post scuola e il pomeridiamo, la sostituzione di arredamenti e attrezzature obsolete, la fornitura dei libri di testo, la fornitura del materiale per le pulizie e le pari opportunità che consentono di dare a tutti gli alunni la possibilità di partecipare alle uscite didattiche o per l’acquisto di strumenti compensativi legati a particolari disabilità). «Da segnalare - aggiunge l'assessore Rudoni - è il costante impegno nell’accompagnare i soggetti più fragili che necessitano di un sostegno scolastico attraverso un incremento delle ore di educativa scolastica».

I PROGETTI - «Per quanto riguarda i progetti presentati in autonomia dagli istituti scolastici, possiamo semplicemente complimentarci per la varietà delle tematiche che verranno proposte agli alunni, ma soprattutto per la metodologia pedagogica che tiene conto dei tempi dell’intero gruppo classe e mette i ragazzi al centro del processo apprendimentale - continua Rudoni -. Nell’ambito dei progetti che verranno organizzati in collaborazione con l'amministrazione comunale vengono rinnovati alcuni progetti realizzati con successo negli scorsi anni scolastici». Si tratta, tra gli altri, di progetti che toccheranno i temi ambientali, l'educazione alimentare, la mobilità dolce o l'educazione stradale. «E’ di particolare rilievo - conclude Rudoni - il fatto che si è voluto significativamente aumentare le ore a disposizione del progetto internazionale "La città dei bambini": visione prospettica che prevede un ribaltamento dell'ottica che contraddistingue l'agire amministrativo e idea cardine sul quale vogliamo imperniare le progettualità future».

IL VOTO DELLE OPPOSIZIONI - Il piano diritto allo studio 2019 - 2020 proposto dall'amministrazione è stato accolto favorevolmente anche dalle forze di opposizione. Le due liste di minoranza, Centrodestra Unito e Movimento 5 Stelle, seppur facendo notare che il documento resta migliorabile, hanno dato il loro via libera al piano.

(Chiara Lazzati)