Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Consiglio comunale sciolto: Lega contro il Presidente della Repubblica

La Lega di Legnano contro la Presidenza della Repubblica, il Ministero dell'Interno, la  Prefettura di Milano, la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Era nell'aria il ricorso al TAR del Lazio contro il decreto del presidente Mattarella che, nell'estate scorsa, aveva sciolto il consiglio comunale. La conferma oggi dal segretario cittadino Mirko Gramegna. 

    Nel ricorso presentato dall'avv.Alessandro Dal Molin, viene chiesto l'annullamento «previa sospensiva» del decreto del Presidente della Repubblica del 30 luglio di scioglimento del consiglio comunale e di nomina del commissario prefettizio e del decreto del Prefetto di Milano di sospensione del consiglio comunale "mai notificato ai ricorrenti".

«Un atto dovuto» il commento di Gramegna che preferisce non andare oltre nell'esprimere giudizi. Un atto, aggiungiamo noi, che rafforza l'idea di una Lega che ritiene i suoi consiglieri «privati della propria carica e del proprio ufficio, per effetto di provvedimenti illegittimi e ingiusti». 

 

(Marco Tajè)