Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rescaldina in campo per l'ambiente: approvata la mozione "green"

Rescaldina prende l'impegno contro i cambiamenti climatici. L'ultimo consiglio comunale ha dato il via libera all'unanimità alla mozione di Vivere Rescaldina che prevede la proclamazione dello stato di allerta e prevede le contro-misure possibili per un comune delle dimensioni della cittadina del Legnanese.

«Abbiamo pensato a misure concrete, fattibili, che non siano solo parole - ha affermato il capogruppo Cattaneo presentando la mozione in consiglio comunale - misure che cambino davvero le abitudini delle persone e che contribuiscano a creare coscienza ambientale che diventi poi un cambiamento duraturo».

Tra queste azioni, oltre a campagne di sensibilizzazione e informazione e il coinvolgimento dei cittadini, il regalo di una busta di sementi da fiore ad ogni nuovo nato, l'eliminazione della vendita di bottiglie di plastica dai distributori automatici posizionati in strutture pubbliche con la fornitura e il posizionamento nelle strutture pubbliche di distributori di acqua alla spina allacciati alla rete idrica, senza l’utilizzo di bicchieri di plastica, la fornitura ai dipendenti comunali e, se possibile, anche agli studenti e al personale degli istituti scolastici di una borraccia, la limitazione della vendita di prodotti con imballaggio eccessivo, un ecobonusper i cittadini che permettono al Comune di riciclare specifici materiali particolarmente pregiati (bottiglie e tappi di plastica) e il potenziamento degli stalli per le biciclette.

Due gli emendamenti proposti dal Centrodestra e accolti: la sostituzione della parola "emergenza" con la parola "allerta" in tutto il testo e la previsione che tutti gli appalti prevedano l'utilizzo di materiali ecosostenibili. Non è stato invece approvato l'emendamento del Movimento 5 Stelle che prevedeva tra l'altro incentivi economici per chi sceglie nella mensa scolastica pasti senza derivati animali.

«Rescaldina è un comune che non si ferma, un comune che sa fare tutto quanto è in suo potere per vivere nel nostro mondo con coscienza e responsabilità proprio come ogni singolo cittadino dovrebbe fare - il commento del sindaco Gilles Ielo -. Le grandi rivoluzioni sono infatti sempre il risultato di tante piccole azioni».

(Chiara Lazzati)