Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Viale Villoresi: il sindaco difende il progetto, minoranza chiede ascolto

La risposta ai 137 cittadini che hanno firmato la petizione per chiedere al sindaco di Nerviano Massimo Cozzi di rivedere il progetto per il nuovo viale Villoresi e proporre, così come effettuato per via Roma, un periodo di prova durante il quale sperimentare un unico senso di marcia in direzione di via Milano/Sempione, arriverà in forma scritta. A comunicarlo è stato lo stesso primo cittadino durante il consiglio comunale della scorsa sera, giovedì 21.

Il sindaco Cozzi, rispondendo all'interpellanza delle forze di opposizione Tutti per Nerviano, Nerviano in Comune, Gente per Nerviano e Scossa Civica, si è appellato al regolamento per la partecipazione popolare, che prevede una risposta entro 30 giorni al primo firmatario della raccolta firme. E ricordando come la riqualificazione del viale facesse parte del programma elettorale della sua maggioranza, ha aggiunto: «il sottoscritto difende in toto il progetto». Progetto difeso anche dal consigliere di maggioranza Carlo Sala.

Posizione ferma, ma diametralmente opposta, quella delle opposizioni. Le forze di minoranza hanno ammesso la necessità di riqualificare il viale, ma hanno anche chiesto a gran voce maggior ascolto verso le istanze dei cittadini e le proposte dell'opposizione. Daniela Colombo (Tutti per Nerviano) ha chiesto che nei lavori vengano presi come capisaldi due obiettivi: la mobilità sostenibile e la preservazione del verde, Enrico Fontana (Nerviano in Comune) ha sottolineato come sia da tener conto l'opinione di almeno 137 persone che hanno proposto un'alternativa al progetto presentato in commissione, Edi Camillo (Movimento 5 Stelle) ha chiesto con forza il mantenimento degli alberi e per riqualificare il viale piuttosto un senso unico e una pista ciclabile, mentre Sergio Parini (Scossa Civica) ha chiesto una sperimentazione della viabilità alternativa e un ripensamento globale dell'intera viabilità del centro, che secondo il consigliere andava affrontato fin dall'intervento su via Roma.

Durante la seduta di consiglio comunale, inoltre, sono state approvate le indennità di carica del presidente del consiglio comunale e dei consiglieri (invariate rispetto agli scorsi anni e ritenute troppo alte dalle minoranze) e all'unanimità è stata approvata l'idea di installare prossimamente una panichina rossa contro la violenza sulle donne. Tutti per Nerviano e Nerviano in Comune, infine, hanno lamentato lentezza nel fornire i documenti richiesti, chiedendo maggior celerità.