Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ponti e strade, in Città Metropolitana non ci sono criticità

Oggi la Città Metropolitana, unitamente all'Unione delle Province Lombarde, ha presentato i primi risultati del check up per la sicurezza di strade, ponti, opere idrauliche del territorio lombardo.

«Dall'analisi effettuata dei nostri uffici - dichiara Arianna Censi, vicesindaca della Città metropolitana di Milano - è emerso che non ci sono criticità di particolare rilievo sulle infrastrutture stradali di nostra competenza. Per noi è importante sottolineare che i tecnici e i cantonieri della Città metropolitana monitorano quotidianamente la situazione di strade, ponti e opere idrauliche al fine di garantire la piena sicurezza degli automobilisti e dei pedoni. Purtroppo dobbiamo rilevare che il Governo, forse sulla scia dei luttuosi eventi di Genova, ha dettato tempistiche e modalità di analisi che non ci hanno permesso di lavorare nelle condizioni ottimali».

«La Città metropolitana - prosegue Censi - si è fatta trovare pronta e preparata su questo importante tema; adesso serve che il legislatore riconosca le peculiarità della Grande Milano in un contesto di definitivo riordino del sistema delle autonomie locali mettendoci nelle condizioni di poter operare al meglio, anche garantendo risorse certe e adeguate, nella consapevolezza che siamo l'unico Ente che può occuparsi dell' organizzazione strategica del teritorio al fine di renderlo, attraverso uno sviluppo armonico, sempre più competitivo e in grado di rispondere alle esigenze dei cittadini. Non è inseguendo le emergenze che questo Paese potrà rispondere alla richiesta di sicurezza e di infrastrutture adeguate che ci arriva dai cittadini, ma tale obiettivo sarà raggiungibile solo attraverso un’attenta programmazione ed un lavoro silenzioso che deve essere fatto giorno dopo giorno. Perché una Città metropolitana messa nelle condizioni di funzionare è necessaria non solo a Milano e alla Lombardia, è necessaria all'intero Paese».

 

(Valeria Arini)