Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ladri di cellulari abbandonano l'auto e scappano sull'A8

Rubano cellulari nel Comasco e, per fuggire dalla Polizia Stradale, abbandonano l'auto sull'A8 all'altezza di Arese. Sono così riusciti a far perde le loro tracce i ladri che hanno messo in pericolo gli automobilisti sull'autostrada: la banda attraversando di corsa le corsie dell'A8 è riuscita a raggiungre l'area industriale. 

Il mezzo, su cui viaggiavano i tre malviventi, è stato notato dagli agenti di Busto Arsio in quanto era danneggiato (danni alla carrozzeria ed alla fanaleria). I poliziotti hanno intimato al conducente di accostare sulla destra. Lo stesso ha rallentato bruscamente la marcia portandosi sulla 4° corsia (quella di sorpasso) e con il veicolo ancora in movimento ha abbandonato l'abitacolo seguito dai due passeggeri

    Gli occupanti, scavalcando il new-jersey centrale, attraversavano la carreggiata opposta, dileguandosi nell'area industriale posta sul margine destro della carreggiata nord dell'A8. L'auto con la marcia inserita ha proseguito la sua corsa ancora per un lungo tratto, per poi andare ad impattare contro il guardrail posto al margine destro del lato opposto della carreggiata.

Gli agenti considerata la pericolosità del veicolo, privo di controllo, hanno prima provveduto a tutelare la sicurezza della circolazione e l'incolumità degli altri automobilisti rimanendo vicino al mezzo senza controllo sino a che ha terminato la sua marcia. Una volta stabilizzata la situazione, hanno effettuato un accurato controllo del veicolo con targhe “improprie”, in quanto appartenevano a mezzi intestati a persone residente in provincia di Vicenza. Dal numero di telaio invece è risultato che l'auto era stata rubata a Verbania.

All'interno dell'abitacolo gli agenti rinvenivano una busta contenente 40 telefoni cellulari nuovi ed usati, un registro cassa, 5 cover e cavetteria varia ed infine un borsone contenente molteplici strumenti atti allo scasso.

A seguito di allertamento dei comandi delle forze dell'ordine delle province di Varese e Como, si appurava che il materiale provento di furto proveniva da un negozio di telefonia, situato a Villa Guardia. Tutto il materiale rubato, una volta inventariato, è stato restituito al legittimo proprietario, mentre l'auto è stata trasportata e depositata al soccorso stradale autorizzato, in attesa di essere recuperata dalla persona che aveva presentato la denuncia.