Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ampliamento 5 corsia A8, percorso alternativo per bici e pedoni

Nuovo step per i lavori per l’ampliamento della quinta corsia dell’Autostrada A8 ‘Milano Laghi’.

Dopo l’avvio, durante l’estate, degli interventi lungo il ponte di via Manzoni, in via Milano e via Gorizia, da lunedì 16 settembre lungo l’Alzaia del canale Villoresi sono stati aperti nuovi cantieri finalizzati  all’ampliamento del ponte sul canale che attraversa la città.

Per mettere in sicurezza ciclisti e pedoni nell’area interessata dalle lavorazioni per la realizzazione delle fondazioni delle nuove opere, si è resa necessaria la chiusura del tratti di pista ciclabile esistente da via Mengato a via Val D’Intelvi fino alla fine del 2020.

Per non interrompere la fruibilità della pista, in sede di pianificazione dei cantieri, l’Amministrazione comunale ha richiesto lo studio e la realizzazione di una soluzione alternativa. E’ stato così creato un collegamento provvisorio in corrispondenza della Via Val D’Intelvi alla viabilità locale, ben segnalato dalla cartellonistica in loco, che, deviando leggermente il percorso, è in grado di garantire il passaggio sia in bici che a piedi.

Il transito di ciclisti e pedoni è stato indirizzato su via Volta-Val di sole Val d’Intelvi. «Durante i nostri incontri periodici con i direttori dei lavori - spiega il Sindaco Andrea Tagliaferro - abbiamo chiesto ad Autostrade di posticipare di quasi due mesi la chiusura dell’alzaia rispetto alla loro tabella di marcia iniziale a fronte dell’individuazione di una soluzione alternativa al transito di ciclisti e pedoni. Abbiamo infatti insistito affinché, di concerto con il Consorzio Villoresi, si potessero individuare alternative e percorsi accessibili ad una mobilità leggera. Solo allora abbiamo consentito all’avvio del cantiere in quest’area. Il nostro obiettivo rimane, infatti, cercare di minimizzare gli impatti per cittadini e residenti nella zona, pur consapevoli dei possibili temporanei disagi che possono comportare grandi opere come quelle che stanno interessando il territorio cittadino». 

QUI LA CARTINA A

QUI LA CARTINA B