Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

De Corato: «droni e body cam per fermare lo spaccio nei boschi»

Droni, body cam e telecamere per gli agenti delle Polizie Locali attive a controllare le aree verdi prese di mira da pusher e tossici. A proporlo è l'assessore alla Sicurezza della Regione Lombardia, Riccardo De Corato, intervenuto a seguito della chiusura dell'importante operazione Fisarmonica con la quale i carabinieri della Compagnia di Rho hanno smantellato un'organizzazione dedida allo spaccio di stupefacenti che faceva base al boschetto di Lainate vicino al Parco delle Groane. 

«Ritengo sia fondamentale che le circa 60 guardie del parco presenti in Lombardia, 8 dei quali al Parco delle Groane, vengano utilizzati con sistemi più adeguati ed equipaggiati meglio, ovvero con droni, body cam e telecamere - ha commentato De Corato -. All'interno dell'accordo sulla sicurezza integrata sottoscritto lo scorso 29 aprile in Prefettura a Milano con il Ministero dell'Interno e Anci Lombardia, oltre alle forze dell'ordine, è importante utilizzare anche le guardie dei parchi che hanno funzione di polizia urbana per contrastare lo spaccio. È infatti stata riconosciuta loro la funzione di Polizia locale dall'ex Prefetto di Milano, attuale Ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese. Fino ad oggi hanno avuto altre funzioni, ma adesso, che il problema legato alla vendita e al consumo di droga ha raggiunto livelli emergenziali, soprattutto nei parchi, è importante che siano anche sentinelle anti-spaccio».

“Un plauso alle nostre Forze dell’Ordine – afferma invece Simone Giudici, consigliere regionale e comunale di Rho per la Lega per aver sgominato questa banda di marocchini e italiani che vendeva droga sul territorio. Fra le persone raggiunte dal provvedimenti della Magistratura anche alcuni residenti di Parabiago, Busto Garolfo e Nerviano. Un gruppo organizzato, con ramificazioni importanti, che gestiva lo spaccio di sostanze stupefacenti in tutta la zona circostante. L’intervento dei carabinieri ha consentito di stroncare una rete che si concentrava sulla vendita di droghe leggere e pesanti, soprattutto, cannabinoidi, eroina e cocaina."