Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Nerviano, camionista trucca il tachigrafo ma viene scoperto

Galeotta fu l'officina. Quando il camionista vi si è recato con il suo mezzo per riparazioni, sicuramente non si aspettava di essere scoperto e di vedersi, poi, ritirata la patente. Ma l'occhio esperto del meccanico - e la pronta comunicazione alla Polizia Locale - ha avuto la meglio.

Durante un'attività di riparazione in un'officina di Nerviano, infatti, il personale ha notato alcune  anomalie sul tachigrafo e una pattuglia della Polizia Locale di Nerviano specializzata nel controllo dell’autotrasporto, con l’ausilio dell’officina, è riuscita a scovare nella cabina del camion un sensore "parallelo" collegato tramite connettori di deviazione all’unità di archiviazione di bordo ed attivabile mediante un interruttore nascosto in un vano del cruscotto. In parole povere: un dispositivo che può alterare i dati di guida facendo risultare come ore di riposo (imposte per legge) anche ore di attività.

La Polizia Locale ha sequestrato gli strumenti, ha ritirato la patente all'autista e ha emesso una multa. Il comandante della Polizia Locale, Franco Santambrogio, ringrazia i titolari dell’officina per la segnalazione ed esprime l’apprezzamento per l’operato dei propri collaboratori che, ormai da molti anni, sono specializzati nel controllo sui tempi di riposo guida e sull’attività di trasporto merci sia nazionale che internazionale. «È bene specificare - precisa il comandante - che le alterazioni del tachigrafo, oltre a permettere agli autisti di non rispettare i prescritti periodi di riposo psicofisico, necessari per condurre in sicurezza i cosiddetti “bisonti della strada”, permettono loro di eludere anche il limitatore di velocità consentendogli di spingere i loro camion bel oltre i limiti consentiti per quel tipo di veicolo».

Soddisfatto anche il sindaco Massimo Cozzi per l'operazione «che dimostra come la collaborazione fra i cittadini e le Forze dell’Ordine sia sempre più importante per migliorare la sicurezza del territorio».

(Chiara Lazzati)