Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cerca di buttarsi dal cavalcavia: salvato da Polizia Locale e Carabinieri di Rho

  • CRONACA / RHO
  • lunedì 07 ottobre 2019
  • 1089 Letture

Poteva essere una tragedia, ma l'intervento di Polizia Locale e Carabinieri di Rho ha evitato questa fine. Il fatto in questione è accaduto sabato 6, all'altezza del cavalcavia sull'autostrada di Passirana. Un uomo era intenzionato a uccidersi, lanciandosi dal ponte sulla A9. Gli agenti scelti e i militari, però, sono intervenuti prontamente: il 45enne, dopo una collutazione in cui sono rimasti feriti anche i suoi "angeli custodi" e in cui ha cercato di impossessarsi delle loro armi, è stato salvato. L'uomo è stato portato in pronto soccorso, così come un agente e un carabiniere.

L'allarme è scattato intorno alle 14:30 di sabato. Il 45enne si era gettato da un'auto in corsa e, ferito, era arrivato sul cavalcavia con l'intenzione di farla finita. Polizia Locale e Carabinieri del Nucleo Operativo Radio Mobile di Rho sono arrivati sul posto. L’uomo è stato afferrato per le gambe da un agente scelto della PL e da uno dei due militari intervenuti, che gli hanno così salvato la vita. Ma proprio una volta fermato, il 45enne ha opposto resistenza e ha scatenato una collutazione. A dare manforte è arrivato un altro agente scelto della Polizia Locale. Mentre gli uomini cercavano di fermare il 45enne, l’aggressore ha tentato di impossessarsi della pistola di un agente cercando di estrarla dalla fondina, ma senza riuscirci grazie al blocco di sicurezza della dotazione individuale e dell’intervento di un altro agente. L'agente stesso ha preso a morsi la mano dell’uomo in un estremo tentativo di difesa. Solo con il rinforzo dei militari si è riuscito ad ammanettare il soggetto e renderlo inoffensivo.

L’uomo che ha cercato di uccidersi è un italiano senza precedenti penali. Il 45enne è stato accompagnato al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Rho e sottoposto Trattamento Sanitario Obbligatorio. Anche per un agente e un carabiniere è stato necessario il trasferimento al Pronto Soccorso.

«Ringrazio i nostri agenti scelti e i carabinieri intervenuti per il coraggio e la professionalità - commenta il sindaco Pietro Romano - un’ulteriore prova della collaborazione tra le forze dell’ordine, con cui quotidianamente il nostro Comando lavora per la sicurezza del territorio Rhodense. Un particolare ringraziamento va ad una nostra agente che con prontezza ha reagito fisicamente, nonostante un fisico esile rispetto all’aggressore, mettendo a rischio biologico la propria incolumità fisica, pur di farlo desistere dall’impossessarsi dell’arma del collega. L’intervento ha inoltre scongiurato il rischio concreto corso dagli automobilisti in transito sotto il cavalcavia dell’A9 nel reale tentativo suicidario dell’uomo e da ultimo nell’aver salvato la vita del soggetto squilibrato. Auguro all’agente e al carabiniere feriti una pronta guarigione».

(Chiara Lazzati)