Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Fpt Industrial di Pregnana Milanese: i vertici confermano la chiusura

Niente da fare. I vertici di FPT Industrial (CNH) hanno confermato la volontà di chiudere lo stabilimento di Pregnana Milanese e trasferire di tutte le attività a Torino con l'obiettivo di ridurre i costi. Fiom Cgil Milano, quindi, ha indetto un nuovo sciopero per venerdì 11. I lavoratori saranno in presidio sotto la sede di Regione Lombardia.

«Chiediamo all'azienda - dichiarano Marco Giglio, coordinatore Fim Milano Metropoli, Roberta Turi, segretaria generale Fiom Milano, Francesco Caruso, segretario Uilm Milano, Monza e Brianza - di ripensare il piano e di evitare la cancellazione della storia industriale di uno stabilimento che ha più di 50 anni. La chiusura avrebbe un impatto totalmente negativo sull'occupazione di più di 300 lavoratori, oggi impiegati nel plant, e su un indotto di decine di aziende locali fornitrici. A Pregnana la produzione va bene e i volumi sono addirittura in aumento. Sul sito della FPT Industrial il plant viene definito come “uno dei più importanti nel nord Italia non soltanto per la quantità di unità prodotte, ma anche per l'approccio "tailor-made": infatti, ogni motore è adattato ai più variegati bisogni dei clienti”. Non possiamo accettare la distruzione di una fabbrica storica e siamo contrari a questa strategia. Chiediamo a CNH Industrial un piano B che consenta di salvaguardare le persone, le professionalità e la comunità locale. Un piano che preveda una sostenibilità ambientale, come quella su cui punta l'azienda, ma anche sociale».

Solidarietà ai lavoratori, nel frattempo, continua ad arrivare da parte dalla politica locale. Le forze politiche della maggioranza a Pregnana Milanese (Partito Democratico di Pregnana Milanese, gruppo “A sinistra”, partito della Rifondazione Comunista di Pregnana Milanese e Comitato Azione Civile di Pregnana Milanese) hanno organizzato un presidio ai cancelli dell’impianto per martedì 15 ottobre alle 9. Lo stesso giorno, nel pomeriggio, ci sarà un consiglio comunale straordinario sul tema.

(Chiara Lazzati)