Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Le frattura naso e zigomo davanti ai figli, marito violento arrestato

Picchia la moglie davanti ai figli, procurandogli fratture al naso e allo zigomo: un 35enne nordafricano è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Busto Arsizio. L'uomo violento è stato fermato nella notte appena trascorsa (tra domenica 13 e lunedì 14 ottobre) per i continui maltrattanti nei confronti della propria coniuge di 25 anni.

L'operaio, pluripregiudicato, di Lonate Pozzolo è risultato regolare sul territorio nazionale. L’uomo è stato colpito da un'ordinanza di misura cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Busto Arsizio che ha accolto integralmente la richiesta della locale Procura in esito all’attività di accertamento della Lonate Pozzolo.

La donna, negli ultimi giorni di settembre, aveva presentato denuncia alla Stazione di Lonate Pozzolo. La vittima si era presentata davanti ai militari dopo aver subito l'ennesimo “pestaggio” davanti ai due figli piccoli. La donna, che aveva riportato diverse fratture multiple al naso ed allo zigomo, è stata subito accompagnata, insieme ai figli minori, in una struttura protetta, in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria sulle condotte dell’uomo.

Nella denuncia la giovane ha raccontato mesi di violenze domestiche e maltrattamenti, perlatro in passato già denunciati ma poi ritrattati per gli “interventi” delle rispettive famiglie di origine che tentavano di riconciliare le parti: le fratture al volto degli ultimi giorni hanno reso però la situazione, oltre che drammatica, anche pericolosa e ormai non più indifferibile.

Anche in tale situazione è stato fondamentale il supporto fornito da Eva Onlus, le cui operatrici hanno svolto essenziale attività di supporto e di collocazione della vittima. Il nordafricano arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato condotto nella Casa Circondariale di Busto Arsizio a disposizione Autorità Giudiziaria mandante.