Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cava Solter, Città Metropolitana ritiene accoglibili le aree compensative

Un nuovo capitolo nella ormai lunghissima questione cava Solter. La Città Metropolitana di Milano (ex Provincia) ha ritenuto accoglibili le aree compensative proposte da Solter. «Questo atto - come spiegano i sindaci Pierluca Oldani (Casorezzo) e Susanna Biondi (Busto Garolfo) - potrebbe rendere efficace l’autorizzazione del progetto della discarica di rifiuti speciali nelle cave di Casorezzo».

Da parte delle due amministrazioni, su cui insiste l'area delle ex Cave di Casorezzo, c'è la volontà più assoluta di opporsi al progetto. «Noi continueremo ad opporci con tutte le azioni e gli strumenti a nostra disposizione - continuano Oldani e Biondi -. A breve sarà convocata un’assemblea pubblica: abbiamo bisogno del sostegno e dell’impegno di tutti».

Nel pomeriggio di giovedì 17 è arrivata la comunicazione di Città Metropolitana - settore rifiuti e bonifiche. Come spiega la prima cittadina Biondi si tratta di «una nota, non un provvedimento. Ma Città Metropolitana, secondo noi, dice cose che non sono nemmeno da dirsi: le aree compensative sono da definirsi tramite un accordo tra parco e Solter, come prevede la normativa. E l'accordo al momento non c'è».

Alla notizia il comitato dei cittadini anti discarica di Busto Garolfo e Casorezzo ha organizzato un presidio sotto la sede di Città Metropolitana (in via Vivaio a Milano) per mercoledì 23 ottobre alle 9.


In copertina, un'immagine di repertorio di Pierluca Oldani e Susanna Biondi, sindaci di Casorezzo e Busto Garolfo, sui cui territori insiste l'area delle ex Cave di Casorezzo.

(Chiara Lazzati)