Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Attività storiche di Regione Lombardia: premiate anche a Busto e Vanzago

Regione Lombardia ha rivelato i nomi delle 198 nuove attività storiche riconosciute sul suo territorio. E tra questi non mancano anche realtà della zona. Il riconoscimento è andato anche a attività di Busto Arsizio, Dairago, Inveruno e Vanzago.

COS'E' L'ATTESTATO DI ATTIVITA' STORICA -  Si tratta di un attestato che sostiene tutte le attività commerciali con una storia di almeno 50 anni per preservarne i fattori culturali, sociali, economici e per valorizzarne la spiccata identità anche a favore del territorio di appartenenza.  «Tengo a ricordare un passaggio storico avvenuto nello scorso mese di febbraio - ha dichiarato l'assessore allo sviluppo economico Alessandro Mattinzoli -: il Consiglio Regionale all'unanimità ha approvato la legge proprio  per salvaguardare e valorizzare le botteghe storiche e artigiane della Lombardia. Quindi, per la prima volta, entrano a pieno titolo anche gli artigiani lombardi che tanto hanno realizzato e realizzano per la nostra regione in Italia e nel mondo intero».

PROVINCIA DI MILANO - In provincia di Milano sono state 35 le attività riconosciute da Regione Lombardia. Tra la realtà più vicine nella nostra zona troviamo il panificio - alimentari Sacchi Achille di Vanzago, il ristorante al piatto d'oro di Inveruno e ll'enoteca Frattolillo vini d'autore di Dairago.

BUSTO ARSIZIO - Busto Arsizio, che già lo scorso anno si era vista riconoscere il primo "Distretto storico del commercio" in Lombardia, la fa da padrona per la provincia di Varese. Sulle 25 nuove attività storiche varesine, ben dieci sono bustocche: Andreella Photo, Beautiful abbigliamento di Morandini Valerio, Carnaghi, il colorificio San Michele, la fioreria Moretti, la fioreria Pinciroli, Locatelli, la panetteria - pasticeria Colombo, il ristorante Mazzini e la sartoria Gianni di Serra Francesca.

(Chiara Lazzati)