Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Frigoli alla guida di Castellanza Servizi: «Tornerà più forte di prima»

Livio Frigoli torna a Castellanza in qualità di amministratore unico di Castellanza Servizi e Patrimonio. La sua nomina è stata comunicata oggi, 15 novembre, a Palazzo Brambilla. Sindaco di Castellanza dal 1995 al 2004, direttore organizzativo del Comune di Legnano nel mandato Centinaio e attuale direttore della Rsa Fondazione Sant'Erasmo, Frigoli ha accettato il delicato ruolo dopo avere vinto un bando di selezione «più con il cuore che con la testa».

Il nuovo amministratore andrà ad amministrare la municipalizzata finita sotto i riflettori dopo l'arresto del suo direttore generale, Paolo Ramolini, accusato di avere usato i soldi pubblici per ristrutturare la casa della figliasubentrando a Carlo Veronelli, amministratore unico che ha presentato le dimissioni lo scorso aprile. «Pur avendo la possibilità di effettuare un affidamento diretto abbiamo scelto di pubblicare un bando di selezione per garantire la massima trasparenza - ha spiegato il sindaco di Castellanza Mirella Cerini - Sul curriculum di Livio Frigoli ha pesato maggiormente la sua esperienza come direttore dei Comuni di Legnano e Nerviano che il suo incarico come sindaco di Castellanza. Per questo ruolo occorrono competenze e conoscenza della gestione della cosa pubblica». 

«Porterò la mia esperienza tecnica e di amministratore a favore di tutta l’amministrazione non solo della giunta per fare uscire Castellanza Servizi da questa situazione difficile e farla diventare più forte di prima - è l'obiettivo del nuovo amministratore - Lo farò restando sempre in contatto costante con l'amministrazione per raccogliere gli indirizzi e programmare gli interventi»

Tra le priorità il monitoraggio della situazione amministrativa e le normative in materia di privacy e trasparenza: «Ci sono 13 lavoratori e diversi appalti che hanno bisogno di garanzia di continuità aziendale - ha precisato Frigoli - che bisogna garantire. Tra le prime azioni penseremo anche ad un bando per inserire una figura direttiva». 

(Valeria Arini)