Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Scomparso da Baranzate, sul corpo ferite di arma da taglio

Stefano Marinoni era scomparso ad inizio luglio da Baranzate. Per dodici lunghissimi giorni non si ebbe alcuna sua notizia. Poi la tragica scoperta: il corpo del 22enne fu ritrovato esanime vicino a un traliccio in un campo tra Arese e Rho. Oggi, lunedì 20 novembre, emergono novità dai primi esisti dell'autopsia.

Come riporta Ansa, sul corpo di Stefano dagli ultimi esami sono stati rinvenuti diversi colpi di arma da taglio. Si tratta di un primo esito dell'autopsia effettuata dal pool di medicina legale guidato dall'anatomopatologa Cristina Cattaneo, ma non ancora depositata agli atti dell'indagine per omicidio volontario. Un'indagine che era stata aperta a luglio.

Il pm pm Mauro Clerici ha dato il nulla osta per poter procedere con la sepoltura del ragazzo.

(Chiara Lazzati)