Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Dal Legnanese al palco con Sting e Bocelli

Sul palco si esibivano Sting, Bocelli, Zucchero, Renato Zero e altri grandi, grandissimi della musica. E quello stesso palco è stato condiviso da alcuni musicisti della nostra zona, tra Alto Milanese e Bollatese. Un vero e proprio sogno che è diventato realtà per Marco Maggiore (batterista), Fabio Beltramini (chitarrista), Alex Perosin (bassista), Roberto Pirola (tastierista), Tania Tarantola (cantante) e Sandro Valeri (chitarrista). In una parola unica: i Lokomotion.

Tutto è successo in occasione del concerto per i 60 anni di Andrea Griminelli, primo fluto di Pavarotti e uno tra i più grandi promotori della collaborazione tra musica classica e musica pop. Per il suo compleanno, festeggiato con un concerto di beneficienza mercoledì 20 a Reggio Emilia, sono arrivati da tutto il mondo al PalaBigi artisti di grandissima fama.

        «E' stata davvero un'esperienza incredibile, non ci sono parole - ci racconta Marco Maggiore, batterista di Cerro Maggiore -. Ho già avuto occasione durante la mia carriera di collaborare con grandi artisti, ma mai nulla di così. La cosa che mi ha colpito di più di questi musicisti è la grande capacità di rompere il ghiaccio e mettere tutti a proprio agio».

Come artista, per Maggiore, due sono state le difficoltà più grande da gestire: l'emozione («incredibile sentire in cuffia la voce di Sting che canta proprio davanti a me... lui che è uno dei miei idoli da sempre») e l'entrare nel mondo di ognuno di questi artisti, suonando con loro. La serata ha regalato anche una soddisfazione grandissima: i complimenti personali di Sting.

(Chiara Lazzati)