Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Lions: Intermeeting al Museo Onda Rossa

Riceviamo e pubblichiamo:

Un intermeeting molto intenso è stato quello organizzato dal Lions Club Rescaldina Sempione con il LC San Giorgio su Legnano e il LC Busto Arsizio Onda Rossa.

La serata era dedicata al tema degli studi e progetti svolti da Leonardo da Vinci con particolare riferimento all'Acqua.

La location scelta è stata molto suggestiva e prestigiosa perchè il Museo Onda Rossa di Caronno Pertusella oltre ad avere in mostra automobili di grande livello, a cominciare dalle mitiche Ferrari per continuare con veri gioielli tecnologici italiani ed esteri del passato e del presente, ha in esposizione una magnifica Fiat Torpedo 2.8 1939 che ha avuto come primo proprietario S.M. il Re d'Italia Vittorio Emanuele III dal 14/12/1939 ed è stata poi utilizzata dai Presidenti della Repubblica Italiana De Nicola, Einaudi, Gronchi, Segni, per ospitare Presidenti e Premier stranieri compresi alcuni Presidenti americani ed anche l'Imperatore del Giappone.

Dopo una visita al Museo sotto la guida e con con ampie spiegazioni del Patron della struttura, Lions Pierantonio Giussani, i numerosi Soci e Ospiti si sono trasferiti nell'ampia e bellissima sala di rappreseentanza  della sede per iniziare l'importante incontro sul tema "Leonardo e l'Acqua".

I tre Presidenti dei Club, Manuela Cattaneo, Silvio Accomando, Francesco Mandaradoni coadiuvati dai Cerimonieri Marco Meraviglia, Carlo Barlocco e Walter Valli hanno avviato l'intermeeting.

Presenti autorità lionistiche del Distretto 108 Ib1: Carlo Massironi, Past Governatore e Governatore del Centenario 2016/2017 Lions Clubs International, Massimo Bellasio Presidednte di Circoscrizione e Elena Casero Presidente di Zona.

Il Relatore, l'architetto Antonio Bandirali, rotariano e studioso di Leonardo da Vinci, ha illustrato le origini, gli studi e le ricerche del grande personaggio inventore, artista e scienziato italiano di cui ricorrono quest'annno i cinquecento anni dalla sua scomparsa.

Il Past Governatore Carlo Massironi, ha quindi presentato l'ospite e amico Antonio Bandirali che oltre ad aver svolto  una lunga attività professionale presso il Centro Comune di Ricerca di Ispra della Comunità Europea, dal 2011 continua, in quiescenza, con l'incarico di Responsabile delle Arti figurative nel Comitato Culturale del Centro. Ha studiato presso l'Ente Raccolta Vinciana del Castello Sforzesco di Milano trovando nella fotografia la sua espressione artistica. Nel mese scorso ha esposto le sue immagini fotografiche in una Mostra nella sede dell'O.N.U. a  Vienna. Ha pubblicato una serie di volumi per sensibilizzare il rispetto della natura ed anche per illustrare le tre cantiche della Divina Commedia di Dante Alighieri. Alcuni studi di Leonardo da Vinci sull'Acqua e le previsioni sulle evoluzioni atmosferiche si sono svolti oltre che a Milano anche sui fiumi e laghi della Lombardia; nella nostra zona a Somma Lombardo, Sesto Calende e Lago Maggiore. Ma ad arricchire la relazione e le conoscenze su Leonardo vi è stato l'apporto dell'attore di origini britanniche Philip Costeloe che ha letto brani originali di Leonardo su vari argomenti ma in particolare sull'Acqua. L'ing. Costeloe è impegnato professionalmente come ricercatore nel settore dello sviluppo sostenibile ambientale nel CCR Joint Research Centre di Ispra.

      A concludere un interessantissimo intermeeting che ha unito i tre Club Lions  (il Past Governatore Carlo Massironi è stato il Lions Guida ded LC San Giorgio su Legnano venticinque anni orsono e il LC Rescaldina Sempione ha sponsorizzato la costituzione del LC Busto Arsizio Onda Rossa nel giugno 2017)  è stata trattata una storia dimenticata che lega Leonardo da Vinci alla Città di Milano: la storia della vigna di 16 pertiche che nel 1498 Ludovico il Moro, duca di Milano, regalò a Leonardo. Nel 1495 Ludovico il Moro assegnò l'incarico di dipingere l'Ultima Cena nel refettorio di Santa Maria delle Grazie. La vigna è rinata nel rispetto dei filari e del vitigno originari. La cena conviviale, grazie alle ricerche del Socio Gian Claudio Castellani del LC Rescaldina Sempione, è stata accompagnata dal "Vino di Leonardo".

Lions Club Rescaldina Sempione