Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Licenziamenti Panalpina, il sindaco di Cerro Maggiore si mobilita

Il consigliere comunale Mario Masetti diventa componente della consulta Economia e lavoro dell'Altomilanese per scongiurare i 90 licenziamente annunciati da Panalpina. È la prima mossa intrapresa dal sindaco di Cerro Maggiore Nuccia Berra che proprio oggi, mercoledì 27 novembre, ha spiegato: «Con la mia squadra di governo abbiamo deciso di intraprendere ogni percorso che potesse aiutare a definire la vicenda col miglior risultato possibile per i lavoratori». 

Di fatto la società acquisita dalla danese DSV ha annunciato l'intenzione di avviare una procedura di liquidazione con licenziamento collettivo dei 155 lavoratori in forza tra cui 90 operativi nella sede cerrese. Una notizia che ha mobilitato non solo i sindacati territoriali e il sindaco, ma anche i consiglieri della Lega di Regione Lombardia che si sono attivati per chiedere un'audizione al Pirellone e un incontro al Ministero. 

 «Appena venuta a conoscenza della problematica legata all'eventualità di licenziamenti che colpivano la filiale di Cantalupo dell'azienda Panalpina - afferma il sindaco - , realtà solida e affermata in molti paesi, mi sono subito attivata attraverso i contatti aziendali che il nostro comune possedeva. Ho incontrato gli uscenti vertici aziendali che mi hanno relazionato sulla situazione attuale e mi sono preoccupata perché la vicenda rischia di coinvolgere molti cittadini, residenti nel nostro comune e nei comuni limitrofi. Ho voluto ascoltare anche le parti sociali per verificare qual era lo stato del personale nel vivere questa vicenda ed evidenziare loro la questione. Dopo questi incontri conoscitivi, doverosi e rapidi, come sindaco ho chiesto un incontro ufficiale col nuovo management e ho dato informativa alla giunta comunale».

Da qui la decisione di proporre il consigliere Masetti nella consulta Economia e Lavoro dell'Alto Milanese: «Per questo abbiamo coinvolto gli enti superiori che, a loro volta, agiranno per le loro più ampie competenze, rimanendo al tempo stesso molto vigile sulla vicenda - commenta il primo cittadino Berra -. Con l'occasione, e vista la possibilità che arrivava dalla conferenza dei Sindaci dell'Altomilanese, ho ritenuto importante proporre il nostro consigliere comunale Masetti quale membro della Consulta Economia e Lavoro dell'altomilanese. La proposta è stata approvata da tutti i Sindaci e sono sicura che le capacità e lo spirito di abnegazione di Masetti saranno molto utili alla Consulta stessa e al nostro Comune come punto di riferimento».