Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

In "trasferta" a Busto Arsizio per consumare la “truffa del resto”

Pregiudicato in traferta a Busto Arsizio per consumare la “truffa del resto”. È stato identificato e denunciato dalla Polizia di Stato di via Ugo Foscolo il truffatore, risultato un romeno di 52 anni, residente in Emilia Romagna ma di fatto senza fissa dimora.

I fatti risalgono al pomeriggio dell’11 novembre scorso, quando la titolare di un bar in via Magenta ha chiesto l’intervento della volante. Ai poliziotti la donna ha spiegato che poco prima un uomo era entrato nel locale e, dopo aver consumato un caffè, le aveva chiesto il favore di cambiargli 50 euro in banconote di vario taglio con un unico pezzo di quell’importo.

La barista aveva acconsentito ma l’uomo, sostenendo di aver ricevuto una banconota da 10 euro al posto di quella da 50, l’aveva convinta a porgergliene un’altra dello stesso valore. Lo sconosciuto si era poi allontanato e subito dopo la vittima aveva capito di essere stata truffata, poiché aveva consegnato due banconote per complessivi 100 euro in cambio di 50 euro.

I poliziotti, che sospettavano di trovarsi in presenza di un truffatore “seriale” specializzato in quella tecnica fraudolenta, si sono messi in cerca di indizi per identificarlo verificando che nelle vicinanze del bar era installata una telecamera. Visionandone le immagini hanno potuto osservare l’uomo descritto dalla vittima che, dopo aver consumato il reato, saliva su una vettura parcheggiata nelle vicinanze. Gli accertamenti incrociati sulla targa e sulle persone identificate a bordo dell’auto hanno permesso di identificare il truffatore.