Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Da una 24enne di Canegrate un appello anti-povertà al premier Conte

Un messaggio anti-povertà lanciato direttamente al premier Giuseppe Conte. E a lanciarlo è una canegratese di 24 anni, giovane ambasciatrice dell'organizzazione One (fondata da Bono degli U2): Chiara Landolfo. «L’Italia - sostiene Landolfo - deve mostrare leadership in Europa e difendere i fondi alla cooperazione internazionale allo sviluppo, essenziali non solo per il destino dei paesi più poveri del mondo, ma per il futuro e il benessere globali».

L'appello è stato lanciato in vista del consiglio europeo di giovedì 12 e venerdì 13 dicembre che vedrà riuniti i leader dei 28 paesi dell’Ue a Bruxelles. Nel corso del vertice europeo, sarà discusso dai leader degli Stati membri il bilancio a lungo termine dell’Ue.

«Come giovane attivista One, mi batto per un mondo più equo dove la possibilità di vivere una vita dignitosa non sia un privilegio ma un diritto di tutti - spiega la giovane ambasciatrice di Canegrate -. Siamo alle porte di un nuovo decennio che determinerà la nostra riuscita nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Con l’adozione del prossimo bilancio a lungo termine, si presenta all’Ue l’opportunità di farsi promotrice di valori quali la giustizia sociale e la solidarietà tra i popoli e, a tal fine, sono necessari fondi adeguati per la cooperazione allo sviluppo. Fondi che si traducono in scuole, ospedali, opportunità lavorative. Mi auguro che il Presidente Conte, il quale ha mostrato attenzione per il tema dello sviluppo dell’Africa, difenda i fondi alla cooperazione al prossimo consiglio europeo».

(Chiara Lazzati)