Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Incendio nella notte ad Accam, due ore per spegnerlo

Fiamme all'inceneritore di via Arconate a Busto Arsizio. L'incendio all'impianto Accam è scoppiato nella notte del 14 gennaio, attorno alle due, facendo scattare l’allarme.

Sul posto sono intervenute sette squadre dei Vigili del Fuoco da Varese, Milano e Como, per un totale di 25 uomini impegnati. Tre autobotti, tre autopompe, un'autoscala e un carro aria (automezzo per il trasporto di bombole di aria respirabile) sono giunte sul posto e gli uomini hanno impiegato circa due ore per mettere sotto controllo le fiamme.

L’incendio, dovuto a cause ancora in fase di accertamento, è partito dal locale delle turbine dove è fuoriuscito dell’olio idraulico necessario per la produzione di energia.

Le operazioni di messa in sicurezza dell'area sono continuate fino alle 8. L’attività dell’inceneritore è stata momentaneamente sospesa.

In mattinata sono attesi i tecnici di Arpa per fare rilevazioni sulla qualità dell’aria. Le fiamme, però, non hanno interessato la zona di stoccaggio e lavorazione dei rifiuti.

Sul posto sono intervenute anche due ambulanze della Croce Rossa di Legnano e della Croce Rossa di Busto Arsizio a titolo precauzionale. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito o intossicato.

Dalle cinque è sul posto per seguire direttamente le operazioni anche il presidente di Accam spa Angelo Bellora: « Dobbiamo ancora fare una stima dei danni. l’attività al momento è ferma anche perché dobbiamo attendere l’arrivo dei tecnici di Arpa. L’incendio comunque non ha interessato l’inceneritore».