Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Lo sguardo triste di Hera dietro le sbarre: Nerviano il nuovo murales di Cheone

Hera, costretta in casa in un giorno di pioggia. Così Cosimo Caiffa, in arte Cheone, ha deciso di ritrarre il suo cane sul muro di una struttura in via vicinale di Parabiago a Nerviano. Il murales del 44enne copre una superficie di 7 metri per 3.

«A causa del meteo ho impiegato due weekend per realizzare questo lavoro - spiega Caiffa - Hera è stata "immortalata" con lo sguardo triste... perchè avrebbe voluto uscire e giocare al sole. Le sbarre raffigurano l'impossibilità di compiere l'azione desiderata».

A Nerviano sono numerosi i murales firmati da Cheone che di recente ha firmato anche il murales dedicato a Libero Ferrario: «Mi piace lanciare messaggi tra la gente che passa per strada - commenta l'artista -, per farlo mi ispiro da tutto quello che mi circonda». Caiffa domani, mercoledì 12 febbraio, partirà per Roma per realizzare una nuova opera che si svilupperà sulla facciata di un palazzo. 

(Gea Somazzi)