Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Gita fuoriporta ad Angera tra natura e "museo diffuso"

Per questo fine settimana in cui il meteo si preannuncia freddo e un poco nuvoloso, vi proponiamo una gita ad Angera.

L'OASI DELLA BRUSCHERA - Un'oasi naturalistica, che si bagna nel lago Maggiore, da cui è possibile ammirare la veduta sul golfo di Angera, su Arona e sull'isolino Partegora. L'area verde è accessibile gratuitamente, così come gratuito è il parcheggio vicino. Una passeggiata all'interno dell'oasi dura all'incirca un'ora.

ARTE - Una delle attrazioni più conosciute di questa perla del lago Maggiore è la rocca di Angera, che in questo periodo dell'anno è chiusa e riaprirà i battenti solamente al 20 di marzo. Ma questo, tuttavia, non significa che non sia possibile ammirare l'arte in città. Un esempio è il museo diffuso: tra borgo, periferia e frazioni,è possibile andare alla scoperta di 50 monumenti storici, artistici e paesaggistici, tra cui è annoverata anche l'oasi oltre a chiese, conventi e musei veri e propri.

COME ARRIVARE - Angera è raggiungibile in auto da Legnano o Rho attraverso l'autostrada A8. L’uscita consigliata è quella di Sesto Calende/Vergiate da cui si prosegue sulla Statale del Sempione sino a Sesto Calende; seguendo le indicazioni si percorre la strada provinciale 69 che porta fino ad Angera.

In treno si consiglia di scendere alla stazione di Sesto Calende da cui è possibile poi raggiungere la cittadina con il bus o in taxi.

(Chiara Lazzati)