Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Nasce a Busto la prima accademia degli impiantisti

Inaugurata oggi, venerdì 27 settembre 2019, la prima “Accademia degli impiantisti” per l’alta formazione di chi installa impianti termici e idraulici. Il laboratorio è stato realizzato da Cna Lombardia con il supporto, ideazione e organizzazione di Cna Varese e il patrocinio di Angaisa (associazione nazionale commercianti articoli sanitari) e Anta (Associazione nazionale termotecnici e aerotecnici).

Il laboratorio è situato a Busto Arsizio: in una posizione baricentrica rispetto alle province di Varese, Milano, Como, Novara e Verbania, su cui intende insistere. La sede è quella che ospita già un centro di formazione privato, ilTTR Institute (http://ttrinstitute.com/) in via Baden Powell, 3 a Busto Arsizio.  In questo luogo, già deputato alla formazione tecnica, sono stati realizzati in circa 160 metri quadri di spazi allestiti, un’aula per la parte teorica e un laboratorio didattico, pensato per erogare formazione pratica alle aziende del settore termoidraulico ed elettrico (fotovoltaico), installatori e manutentori.

All’inaugurazione hanno partecipato Luca Mambretti, presidente di Cna Varese Ticino Olona, Alessio Grima coordinatore del progetto del laboratorio, Franco Pozzoni, presidente CNA installazione e impianti Lombardia e Daniele Parolo, presidente Cna Lombardia. Inoltre, il sindaco di Busto Emanuele Antonelli ha portato i saluti della città. 

     «Il progetto CNA ha l’obiettivo di dare valore alla professionalità e soprattutto all’impagabile  manualità degli operatori - ha dichiarato Luca Mambretti, presidente di Cna Varese Ticino Olona - Per accrescerne la competitività sul mercato e dotarli degli strumenti necessari ad affrontare le nuove criticità e conseguentemente garantire qualità, efficienza e sicurezza ai loro clienti».

«Le scelte legislative legate all’emergenza ambientale, al risparmio energetico e alla sicurezza e la continua evoluzione tecnologica richiedono un livello di competenze e professionalità sempre più elevate e soprattutto diversificate - ha sottolineato Daniele Parolo, presidente di Cna Lombardia -  Il progressivo utilizzo di impianti alimentati da fonti energetiche rinnovabili e il ripensamento complessivo attorno all’edifico rappresentano una vera e propria rivoluzione tecnologica e culturale: per questo è fondamentale che i manutentori siano correttamente formati alle nuove tecnologie a disposizione»

«Il settore dell’impiantistica che in Lombardia conta circa 2600 imprese associate a Cna- Conclude Franco Pozzoni, presidente di Cna Installazioni e Impianti Lombardia – si esprime sempre di più attraverso l’innovazione tecnologica  e sempre più l’innovazione  viene percepita come elemento dominante per mantenere ed espandere il proprio mercato».

Immagini a cura di Luigi Frigo