Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Eppure un giorno ero vivo e ho visto il mondo"

Un giorno
sarò albero e radice
sarò terra contesa.
Mi vorranno i vermi
i lombrichi le stelle
sarò cosa che cambia
chissà cosa diventerò.
Sarò fiore o montagna
o terra da cemento
per un buon palazzo
eppure un giorno ero vivo
e ho visto il mondo
eppure un giorno ero vivo
e ho visto il mondo.

Salvatore Toma, in "Canzoniere della morte" (1999, Einaudi)

Un poeta che rischiava di rimanere completamente sconosciuto. Si tratta di Salvatore Toma, penna salentina morta a soli 36 anni. Nato in una famiglia di fiorai, passò la vita tra le campagne. Frequentò il liceo classico, ma non portò mai a termine gli studi. Studi che però proseguì da sè, approfondendo la letteratura e la poesia. In vita pubblicò sei opere. Ma la fama nazionale arrivò soprattutto dalla pubblicazione della raccolta di poesie di Einaudi, a cura della filologa Maria Corti.

(Chiara Lazzati)