Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Servizio post scuola alle Collodi: "Una sola educatrice non basta"

Caro Direttore,

 sono una mamma di una bambina che frequenta la Scuola dell' Infanzia Collodi di Legnano e le scrivo in merito al servizio post scuola. Da quest'anno, a causa del mancato assegnamento da parte del Comune della seconda educatrice, non è più possibile ritirare i bambini dalle 16.30 ma è necessario aspettare l'orario delle 17.30. Questo ha creato un disagio tra i genitori nella conciliazione vita familiare e lavorativa, tanto da dover rinunciare delle volte al servizio post scuola che è comunque già stato pagato. Ho contattato il Comune sia al telefono che via mail, dopo aver sentito anche il dirigente scolastico. La risposta per la mancata figura della seconda educatrice è che i bambini che si fermano al post scuola non superano il numero 28 presenze, anche se gli iscritti sono più di 28 bambini. A parte il fatto che è impensabile che una sola educatrice possa gestire 28 bambini dai 3 ai 6 anni, senza l' aiuto di una bidella o di un'altra maestra, come invece avviene  al mattino, se un pomeriggio dovessero fermarsi tutti i bambini iscritti, cosa succederebbe? So che il Comune è stato sollecitato a rivedere la proporzione 1 educatrice al post scuola ogni 28 bambini ma ad oggi la situazione è che la seconda educatrice non è stata assegnata. Spero che il Comune possa ripensare alla sua posizione sul post scuola alla Scuola Collodi, che fino all'anno scorso ha sempre garantito la presenza di 2 educatrici, e continuare a dare un servizio alle famiglie senza metterle in difficoltà e assicurare maggior sicurezza nella gestione dei bambini al post scuola.  Saluti Una mamma di una bambina della Scuola dell'infanzia Carlo Collodi.

Lettera firmata


Il Comune  spiega che il regolamento prevede l'uscita dei bambini dalle 17.30 e che il rapporto del personale è quello previsto dalla legge e si basa sui frequentanti che ad oggi sono in media una ventina. L'ufficio preposto provvederà a rispondere alla mamma.