Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

La cicogna in ritardo e la diminuzione di nascite in città

      Il servizio di ieri (clicca qui) sul ritardo dell'arrivo della cicogna con il primo nato nel 2020 a Legnano ha fatto discutere il mondo dei social. Di seguito, il pensiero espresso dall'avv. Franco Brumana che, in quanto candidato alle prossime elezioni, dovesse imporsi nelle Primarie della Costituente civica, assume una posizione ben precisa sulle preoccupazioni che dovrebbero maggiormente agitare i prossimi amministratori della città.


Legnanonews non ha segnalato solo una notizia curiosa, ma ha evidenziato un problema molto importante. Nascono meno figli e la città invecchia anche perché mancano posti di lavoro per i giovani e quindi le basi per formazione di nuove famiglie e per l’accudimento dei figli.
La questione dello sviluppo economico, naturalmente rispettoso dell’ambiente e del paesaggio, dovrà essere la prima preoccupazione dei prossimi amministratori Legnanesi. Sarà inoltre necessario tutelare e aiutare le giovani coppie anche con l’apertura di nuovi asili nido a prezzi calmierati. 
Non tutti possono disporre di nonni a pieno servizio.

Avv. Franco Brumana