Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Il sottile umorismo della commedia inglese in "Un letto per due"

Un letto per due
di B. O'Leary
ed. Mondadori
€ 18,50


Prendi Londra ai giorni nostri, unisci una giovane editor dal cuore spezzato e dal portafoglio vuoto e un infermiere stremato dai turni di notte. Poi condisci il tutto con un tono fresco e scanzonato e il gioco è fatto: ecco ‘Un letto per due’, nuovo romanzo di Beth O’Leary. Una commedia leggera ma non banale, che rappresenta la condizione di molti giovani di oggi, obbligati ad arrabattarsi per avere un minimo di indipendenza economica e sociale.

Questa è la condizione (precaria, appunto) in cui incontriamo Tiffy Moore: dopo il naufragio della sua storia d’amore, adesso Tiffy ha assolutamente bisogno di trovare una nuova sistemazione. E alla svelta. 
Peccato che il suo stipendio da junior editor sia poco compatibile con gli affitti stellari di Londra... Tiffy però non si dà per vinta e, spulciando le inserzioni, decide di rispondere a un annuncio singolare: 
dividere appartamento, camera, e soprattutto l’unico letto della casa, con Leon, un infermiere che fa i turni di notte e che ha il suo stesso problema: potersi permettere di vivere abbastanza in centro nonostante il risibile stipendio.

Una convivenza ideale, basata su una regola ferrea: Leon occupa la casa di giorno, mentre Tiffy rientra la sera ed esce prima che lui torni. Unico scambio: un via vai di messaggi sul frigo. All’inizio formali, poi ironici, infine affettuosi… Due perfetti sconosciuti e una amicizia che piano piano cresce grazie a dei bigliettini di carta. Ma quanto passerà prima che a Tiffy e Leon non venga la curiosità di vedersi?

Una commedia romantica e spensierata, piena di battute (o meglio: post-it!) gustose, che vi farà compagnia e vi regalerà più di un sorriso, mentre penserete che sì, l'amore è proprio cieco!

Delizioso.

Amanda Colombo - Galleria del libro