Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Magia e mistero in "Arcana, il castello dei destini sbagliati"

Arcana, il castello dei destini sbagliati
di M. Temporini
ed. Mondadori
€ 19,00


Chi crede nella divinazione e desidera conoscere il proprio futuro, prima o poi si imbatterà nei tarocchi e soprattutto nei suoi Arcani Maggiori: 21 carte divinatorie dai molteplici significati che da sempre sono usate per conoscere il futuro...

Ma se qualcuno sapesse usarli per cambiare il passato?

E' proprio questa possibilità che porterà al Castello i cinque protagonisti della storia: una ballerina di tango che non sente il dolore, un chirurgo estetico col debole per il gioco d’azzardo, una ragazzina misantropa, uno stunt-man masochista e un wedding planner dalla doppia personalità.
Cinque sconosciuti, cinque persone troppo ferite e sole, disposte a tutto pur di ricucirsi addosso una speranza… Anche ad accettare misteriosi inviti, come appunto quello di Ermete, un anziano in sedia a rotelle che vive in un castello tra le nebbie del Nord Italia. Il vecchio, che sostiene d’essere un mago e si fa chiamare il Matto - come la carta che completa gli Arcani Maggiori, senza però farne davvero parte - li ha scelti per farli diventare personificazioni di altrettanti Arcani Maggiori, allo scopo di creare un vero e proprio mazzo vivente, capace di modificare gli eventi. La Papessa, la Morte, il Diavolo, gli Amanti, l'Imperatore, l'Appeso, la Forza, la Ruota, la Torre... Quali di questi Arcani saranno interpretati dagli ospiti (ma sono davvero ospiti liberi di andarsene, poi?) del Matto? Quale sarà il disegno che dovranno comporre, quali le caratteristiche da portare in vita? E soprattutto, 
perchè?

Ospiti (e prigionieri) della sua follia, i cinque dovranno scoprire fin dove sono disposti a spingersi pur di rimediare ai loro errori, anche a costo di non capire più quali siano i confini tra realtà e immaginazione.

Colto appassionato di esoterismo, misticismo e magia, Maurizio Temporin è riuscito nell’impresa impossibile di raccontare con una chiave nuova, eccitante e ironica il più amato e misterioso dei mazzi di carte, quei tarocchi tanto cari alla nostra migliore letteratura fantastica, da Italo Calvino a Dino Buzzati.

Un romanzo fantasy nerissimo ed intrigante, che vi divertirà facendovi 
sussultare.

Amanda Colombo - Galleria del Libro