Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Piscina di Legnano chiusa: la RNL non si ferma e torna in vasca

La chiusura della piscina di Legnano non ha bloccato la Rari Nantes tornata in vasca più in forma che mai. La società presieduta da Antonio Penati ha annunciato oggi, mercoledì 20 novembre, di aver ufficialmente ripreso tutte le attività: i 300 atleti iscritti saranno ospitati negli impianti del territorio in attesa del termine dell'intervento di risanamento in programma nella struttura di viale Gorizia. Una soluzione provvisoria in attesa che venga riaperta la piscina olimpionica i cui lavori, tempo permettendo, dureranno circa 20 giorni lavorativi. 

    «Tutto questo non sarebbe stato possibile senza il sostegno e il supporto di tutta la comunità, grazie a tutti gli impianti sportivi che da oggi ci hanno offerto il loro aiuto - afferma il presidente della RNL -. Organizzare tutti gli orari e le sedi per oltre 300 atleti non è stato facile ma il team Rnl non si arrende mai davanti a una sfida. Ringraziamo ufficialmente Amga Sport Parabiago, Nam Cerro Maggiore, B. Fit Legnano, Manara Busto Arsizio, Bustese Nuoto, Anubi, Acqua1 Village, Gestisport, Nuotatori Milanesi, Varese, Milano, Palestra Underground Busto Arsizio, Oratorio San Magno e tutti coloro che hanno aperto le porte dei loro impianti. Siete un esempio di accoglienza e lealtà sportiva».

La società biancorossa ieri, martedì 18 novembre, ha inoltre incontrato il commissario prefettizio Cristiana Cirelli alla presenza di una rappresentanza di Amga per chiedere i tempi riguardanti i lavori che dovranno essere effettuati nell'impianto legnanese. «È stato garantito il massimo impegno per riuscire a riaprire la vasca grande in tempi brevi - spiega il presidente Penati -. Anche se non ci è stato possibile ottenere una data certa (le condizioni meteorologiche dei prossimi giorni saranno decisive), i tempi indicativamente necessari dovrebbero essere di circa 20 giorni lavorativi. L’Amministrazione Comunale, infine, si è impegnata a tenere aggiornata le società sportive interessate e gli utenti sull’andamento dei lavori e sulle tempistiche definitive».

(Gea Somazzi)