Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Consiglio Metropolitano a rischio default

«Possibili dimissioni in blocco del gruppo "Insieme per la Città Metropolitana». Questa mattina, 29 giugno 2017  ore 10.30 - in Sala Pedenovi presso Palazzo Isimbardi, è infatti convocata la Conferenza Stampa indetta da Graziano Musella, capogruppo di Forza Italia, mediante la quale verrà reso noto che, «qualora non venisse promulgato il Decreto di Proroga dell'approvazione del bilancio dell' Ente entro la data del 30 giugno 2017,il gruppo consiliare  " Insieme per la Città metropolitana", si dimetterà in blocco».  «Ciò - spiega il capogruppo - potrebbe determinare lo scioglimento dell'intero Consiglio Metropolitano». Fino a ieri - griorno della proclamazione del nuovo consiglio comunale di Legnano - era presente nel gruppo "Insieme per la Città Metropolitana" anche il legnanese Luciano Guidi di Alternativa Popolare. Al suo posto entrerà un altro forzista

Il 30 giugno scadranno i termini di legge per la presentazione del bilancio che presenta un buco che sfiora i 70 milioni di euro.  Il vicesindaco Arianna Censi sembra sperare ancora in una soluzione all’utimo minuto, ovvero in un intervento del Governo. 

Una norma del Testo unico degli enti locali prevede tral'altro che i consiglieri in carica di un ente che dichiara formalmente il dissesto finanziario non possano ricandidarsi per altre cariche amministrative nei successivi tre anni