Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

I Giovani Democratici al Governo: "Occorre un Green New Deal".

Non c’è più tempo: la questione ambientale deve essere il fulcro della svolta politica del nuovo Governo. Questo l’appello lanciato dai Giovani Democratici della Lombardia al termine della scuola di formazione “Think Green!”, dedicata all’ambiente e allo sviluppo sostenibile.

Decine e decine di giovani da tutte le province lombarde hanno partecipato attivamente ai laboratori proposti nel weekend di formazione a Bergamo. Tra gli ospiti Brando Benifei, Capodelegazione PD al Parlamento Europeo, Vinicio Peluffo, segretario regionale PD Lombardia, la parlamentare comasca Chiara Braga, Responsabile Ambiente nella Segreteria Nazionale del PD, una delegazione di consiglieri regionali dem guidata dal capogruppo Fabio Pizzul, Miriam Cominelli, Assessore all’Ambiente del Comune di Brescia, Emilio Miceli, delegato alla trasformazione green nella Segreteria Nazionale della CGIL, e accademici ed esperti che hanno dialogato con esponenti di Fridays for Future e di associazioni territoriali.

«Il nostro impegno come Giovani Democratici Lombardia è di mantenere alta l’attenzione sulla condizione ambientale in Lombardia e non solo» commenta Lorenzo Pacini, segretario regionale dei giovani dem. «Il lavoro che abbiamo sviluppato durante la nostra scuola di formazione verrà portata all’attenzione del nuovo Governo. Prevenzione dal dissesto idrogeologico, lotta alle ecomafie, contrasto al consumo di suolo, convertibilità green delle aziende, riduzione della plastica monouso sono tutte misure non più rinviabili che devono essere al centro di un grande ‘Green New Deal’. Ci auguriamo che il nuovo Governo tra Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Liberi e Uguali possa cambiare il passo sui temi ambientali, totalmente dimenticati nell’esperienza di governo con la Lega» conclude Pacini.