Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Abbattimento alberi pericolanti, Spirito risponde agli Amici della Terra

La notizia dell'abbattimento di cento alberi pericolanti sul territorio di Canegrate non è piaciuta all'associazione Amici della Terra, che con una lettera al sindaco Roberto Colombo ha chiesto di avere copia «del piano di lavoro, i nomi degli specialisti agronomi che seguono lo stesso e se le ditte esecutrici siamo specializzate e quali esse siano». All'associazione varesina risponde oggi l'assessore all'ambiente Davide Spirito.

«Ringrazio il presidente dell’Associazione Amici della Terra Varese Onlus, con il quale si condivide l’interesse per la tutela e salvaguardia dell’ambiente - scrive Spirito -. Sulla questione in oggetto si è creata un po' di confusione, derivante dalla non completa conoscenza delle attività in corso di esecuzione presso il nostro Comune. Colgo l’occasione per sottolineare che la quasi totalità degli interventi in oggetto riguardano la messa in sicurezza di piante non più in stato vegetativo nate spontaneamente a ridosso della recinzione del campo sportivo, che ne metteno a repentaglio la stabilità; altre piante invece, in numero decisamente limitato, sono sparse nell’intero territorio comunale».

Nei giorni scorsi, infatti, il Comune aveva dato notizia del piano per la messa in sicurezza del patrimonio verde, che oltre a potature prevede anche l'abbattimento di cento piante (una ventina di piante sparse sul territorio, le restanti in zona campo sportivo). Si tratta di alberature particolarmente pericolose per la circolazione e visibilità stradale, per la quale si è prevista la potatura di contenimento e l’abbattimento dei soli esemplari non più in stato vegetativo.

(Chiara Lazzati)