Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Palio di Legnano 2020: Andrea Mari correrà per Sant'Erasmo

(m.taje) - Una novità preannunciata ma non per questo meno clamorosa per il nostro Palio. Subito dopo la vittoria di Dino Pes ad Asti la contrada S.Erasmo smonta il fantino con cui è andata al canapo il maggio scorso e richiama a Legnano Andrea Mari. Un cambio che vivacizzerà l’inverno legnanese, che chiamerà i capitani a rivalutare alcune situazioni e che metterà un po’ di pepe sulla corsa del prossimo 31 maggio. Capitan Garegnani, insomma, ha voluto segnare il suo ritorno con una mossa e una strategia da grande contrada, com’è quella del corvo. Forse che qualcuno si aspettava calma piatta in quel di via Canazza? No, dai... impossibile non pensare a qualche novità. Adesso, la palla passa agli altri a partire da San Martino. Da capitan De Pascali lecito attendersi un contrattacco. Vero, capitano anziano?

Di seguito il comunicato inviato dalla contrada


Nel corso dell’Assemblea Ordinaria tenutasi mercoledì 4 settembre, il Capitano neo eletto della Contrada Sant’Erasmo, Matteo Garegnani, ha annunciato che sarà Andrea Mari, detto Brio, ad indossare il giubbetto biancazzurro al prossimo palio.

Il Capitano ha voluto, prima di ogni cosa, ringraziare Dino Pes, fantino di Sant’Erasmo negli anni 2018 e 2019, per l’impegno, la serietà e la professionalità dimostrata. «Dino è una persona di gran cuore e rimarrà sempre un amico di Sant’Erasmo. Il mio ringraziamento sincero va a lui ed alla sua famiglia oltre che i miei complimenti per la recente stupenda vittoria al Palio di Asti».

L’annuncio dell’arrivo di Brio al Corvo - spiegano dalla contrada - «è stato accolto con grandissimo entusiasmo da tutti i contradaioli, già in gran fermento e al lavoro per l’organizzazione di un annata piena di eventi e novità. Per Andrea Mari si tratta di un ritorno alle origini: ha infatti esordito a Legnano indossando proprio la giubba di Sant’Erasmo per la Provaccia del 2001 e dopo 19 anni sarà lui a difendere i colori biancazzurri al palio del 2020».