Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Meningite, 28enne stabilizzata all'Ospedale di Legnano

È stabilizzata all'Ospedale di Legnano la giovane 28enne di Bareggio affetta da meningite. La donna è arrivata al Pronto soccorso di Rho alle 2.49 della notte di martedì 15 ed è stata poi trasferita a Legnano.

Secondo il bollettino emesso dall'Asst Rhodense, da un paio di giorni la 28enne accusava «sintomi vaghi (Mal di gola, febbricola, stanchezza) gradualmente peggiorati - si legge nel bollettino-. Inizialmente valutata per vomito e febbre elevata al Pronto Soccorso di Rho, risoluzione mediante terapia sintomatica (antifebbrili ed antibiotici) ma nuovo peggioramento dopo qualche ora».

     Appena è emersa l'ipotesi di un caso di meningite i medici hanno effettuato tutte le analisi del caso «TAC Encefalo -come specificano dall'Asst Rhodense -, Consulenza Neurologica, Consulenza Rianimatoria per Rachicentesi, Laboratorista Reperibile, Esami Colturali, Consulenza Infettivologica, Paziente posta in isolamento, avviata terapia specifica con antibiotici e cortisone».

Alla conferma di meningite batterica meningococcica è stata avviata la procedura standard di allerta attraverso direzione sanitaria di Rho ed ATS con la quale si «ricerca i possibili contatti - è scritto nel bollettino - sia in ospedale (Operatori, Altri Pazienti, Accompagnatori, etc.) che nella vita sociale (Parenti ed Amici) che nella vita lavorativa. Avviata ricerca posto letto presso Reparti di Infettivologia (Sacco, Niguarda, San Paolo, etc.). Posto disponibile a Legnano. Eseguito trasporto protetto con Mezzo Avanzato con Medico ed Infermiere di Pronto soccorso».

L’Azienda ha, quindi, avviato la profilassi antibiotica estesa a tutti gli operatori e possibili contatti e «ATS si occuperà di reperire ogni contatti esterno -infine è precisato nel bollettino - per sottoporlo a profilassi (antibiotico) e valutazione se comparsa sintomi specifici».