Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Nuove apparecchiature inaugurate all'Ospedale di Busto Arsizio

Un angiografo in Emodinamica, una Tac in Radiologia, una gamma camera in Medicina nucleare. Sono le nuove apparecchiature inaugurate oggi in Ospedale a Busto Arsizio dall’Assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera. Investimenti importanti, che superano complessivamente il milione e 200mila euro.

        “Regione Lombardia sta investendo risorse importanti per gli investimenti nell’ambito sanitario, che riguardano l’innovazione tecnologica e la qualificazione strutturale - ha dichiarato l’Assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera -. Poche settimane fa abbiamo stanziato la cifra record di 202 milioni di euro per il sistema regionale. Di queste risorse, 7,5 milioni sono stati destinati all’ASST Valle Olona, a conferma dell’attenzione nei confronti dei servizi per cittadini di questo territorio e a supporto dei validi professionisti e manager che lavorano in questa azienda”.

Afferma la Direzione aziendale dell’ASST Valle Olona: “Oggi inauguriamo strumenti di alta tecnologia che consentiranno un deciso miglioramento delle prestazioni erogate: il nuovo sistema angiografico in Emodinamica, la nuova Tac in Radiologia, la nuova gamma camera in Medicina nucleare. Il sistema angiografico perfezionerà la diagnosi e la cura delle malattie cardiovascolari. I vantaggi della nuova gamma camera sono molteplici: dall'accuratezza diagnostica, alla riduzione dei tempi di attesa per gli esami scintigrafici, alla minor dose di radiazioni per il paziente. E’ la prosecuzione di un percorso di miglioramento della qualità dell’assistenza sanitaria fornita da ASST Valle Olona, parallelo all’incremento della qualità della strumentazione in dotazione. Come di consueto l'ammodernamento del "parco macchina" impone un costante aggiornamento di tutti i professionisti sanitari che utilizzano, valutano e individuano strategie di cura per ogni singolo paziente. La nuova Tac impone questo ulteriore passo: l’obiettivo è curare sempre meglio”.