Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

In piazza Assi una targa per i 100 anni dell'Istituto Bernocchi

Un secolo di storia "raccontato" in una targa commemorativa in piazza Assi: perchè proprio lì l'Istituto Bernocchi di Legnano ha mosso i primi passi. Tutto ebbe inizio il 16 ottobre 1917 per volere dell'imprenditore castellanzese Antonio Bernocchi che avviò i primi corsi della scuola operaia professionale nelle stanze del collegio Silvio Pellico (collocato nell'allora piazza Carroccio, oggi piazzetta Assi), con la collaborazione dell'indimenticato docente di italiano, professore Egidio Assi. 

Dopo 100 anni, studenti e insegnanti ieri mattina, martedì 16 ottobre, hanno festeggiato quello storico momento. Con emozione, infatti, il dirigente scolastico Annalisa Wagner ha scoperto la lastra in marmo collocata proprio sotto la dicitura della piazzetta. Tra le autorità presenti al momento inaugurale il commissario straordinario Cristiana Cirelli e l'ex ministro Marco Bussetti attuale provveditore a Milano. «Ricordatevi - ha affermato il dirigente rivolgendosi agli studenti presenti -, il nostro futuro si costruisce sempre sul passato, possiamo guardare avanti solo se sappiamo da dove veniamo». 

A ripercorrere la storia, motivando la collocazione della targa, la professoressa Gabriella Oldrini la quale ha precisato che oggi non è solo il centenario dell'Istituto Bernocchi, ma è anche il compleanno «dell'Istituto tecnico dei periti attivato nel 1958 e che proprio oggi compie 60 anni».  

La comitiva ha poi raggiunto le Gallerie Cantoni per visitare la teca con il grande telaio Jacquard del Bernocchi la cui funzione è stata spiegata da Giovanni Cattaneo del Museo Industriale di Legnano e Alto Milanese, che ha colto l'occasione per ribadire: «Il patrimonio del Bernocchi è importante e noi continueremo a tutelarlo e continueremo a chiedere alla città di darci uno spazio adeguato per mettere in mostra questi beni industriali».