Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Studenti a lezione di legalità con la Benemerita

E’ stato un  intervento brillante ed efficace che ha catturato l’attenzione degli allievi quello con cui il capitano del Comando della Compagnia dei Carabinieri di Legnano, Domenico Cavallo, ha presentato a studenti dell’Istituto Bernocchi come e in quali ambiti si declini il complesso lavoro dell’Arma.

“Prepararsi a fare la carriera di ufficiale dei Carabinieri non è impossibile: coscienza, intelligenza e passione sono i requisiti di un giovane che volesse intraprendere questa strada”. E a proposito di passione, certamente i ragazzi presenti all’incontro hanno percepito  quella del capitano mentre ricordava le parole del suo giuramento pronunciato trent’anni fa. “Perché l’Arma -  ha detto Cavallo -  è un’organizzazione dove le cose si sentono sulla pelle, fatta da persone normali”.

L’iniziativa è stata proposta dalle docenti Bianca Porfidia e Susi Ortolani alle classi quinte e  non ha avuto solo uno scopo orientativo, in quanto ha coinvolto gli studenti in una riflessione sui temi delle regole, del rispetto, del senso civico.

 

         Tanti infatti gli spunti offerti dal Capitano Cavallo che ha richiamato l’importanza del senso di responsabilità nei comportamenti individuali di giovani e meno giovani, pubblici ufficiali e cittadini comuni, sottolineando che trasgressioni ed eccessi non sono mai espressione di libertà. “Ricordate ragazzi che la droga – ha detto l’ufficiale – la prima volta è un’emozione, la seconda è schiavitù”.

Tante e articolate le problematiche legate al rispetto delle regole, per affrontare le quali “è essenziale e preziosa la collaborazione con la scuola” ha osservato in conclusione il capitano.

Non sono mancati i quesiti  finali di studenti interessati al corso per gli Ufficiali dell’Arma dei Carabinieri dell’Accademia di Modena, cui si accede per Concorso.

Gabriella Oldrini