Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

FIM CISL: «La Tosi resta a Legnano, adesso via agli investimenti»

Sindacati soddisfatti  per l'acquisto dell'Area Rossa di Legnano da parte della Franco Tosi di Presezzi e nel contempo chiedono un piano industriale di rilancio.  

Il primo a commentare positivamente la permanenza in piazza Monumento della storica fabbrica è stato Christian Gambarelli segretario Generale FIM CISL Milano Metropoli: «Finalmente una buona notizia soprattutto per i 200 lavoratori che da oggi potranno vedere nel concreto un possibile piano di investimenti e, seppure in un’area ridimensionata, il rilancio delle nuove attività della loro azienda. Abbiamo fatto la scelta giusta in questi mesi continuando a premere sul MISE e sulle istituzioni locali perché fosse preservata e mantenuta la Tosi a Legnano». 

Per il sindacalista però è fondamentale che venga presentato al più presto «un piano industriale di rilancio, perché il tempo non è una variabile indifferente e i lavoratori hanno bisogno quanto prima di rientrare a pieno regime in attività. Auspichiamo inoltre quanto prima un interessamento da parte del Presidente di Regione Lombardia Fontana perché crediamo che il coordinamento per le attività di rilancio dell’azienda e dell’ ecostistema complessivo delle aree (di cui il sito produttivo della Tosi), stante la situazione attuale dell’amministrazione comunale non ha bisogno di altri intralci e blocchi burocratici. Regione Lombardia dovrà essere garante perché Istituzione più vicina alla possibilità di dare supporto e soluzioni concrete ed efficaci a quel territorio».