Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Franco Tosi: i lavoratori approvano l'accordo

L'assemblea dei lavoratori della Franco Tosi Meccanica ha approvato l'ipotesi di accordo avanzata lunedì scorso. Il 96% di tutti i dipendenti (177 quelli attualmente in forza) ha accettato un periodo di 12 mesi di cassa integrazione straordinaria (volontaria) per riorganizzazione aziendale a decorrere dal 19 dicembre 2019 che, contrariamente alle richieste aziendali, esclude i percorsi di esternalizzazione delle lavorazioni meccaniche nonché del servizio di vigilanza.

 Nei prossimi giorni verrà aperta una procedura di mobilità alla quale i lavoratori accederanno solo volontariamente. Inoltre, sono previsti incentivi economici come l'integrazione economica pari alla differenza tra l'80% della retribuzione netta per i lavoratori che agganceranno la pensione durante la Naspi, ovvero 18 mensilità per eventuali dimissionari.

Infine chi verrà collocato in Cigs percepirà un’integrazione economica di 150 euro per ogni mese di permanenza in cassa integrazione straordinaria.

Per Mirco Rota, coordinatore Franco Tosi per la Fiom nazionale, «si tratta di un accordo positivo non solo per quanto previsto economicamente ma per il fatto di aver escluso ulteriori processi di terziarizzazione aziendale. Nonostante il disimpegno da parte del ministero dello Sviluppo economico, oltre alle precedenti scelte illogiche e penalizzanti rispetto a questa vicenda, siamo riusciti a definire un accordo per mantenere in essere quanto rimasto della Franco Tosi Meccanica coerentemente con quanto fatto dall’uscita dalla fase di amministrazione straordinaria».