Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Logistica di Malpensa, 265 lavoratori a rischio

Agitazione a Cargo City dell'aeroporto di Malpensa per 265 lavoratori a rischio nel settore pulizie. Ad essere coinvolta è la coop Ncl che ha appunto aperto la procedura di licenziamento collettivo per “disdetta appalto di attività logistica e pulizie”.

Il caso viene sollevato dal sindacato di base Cub Trasporti. Va precisato che a volte i cambi di appalto vedono licenziamenti e successive riassunzioni, come successo anche recentemente per la vicenda della Coop Coros. Certo, per i 265 coinvolti è un momento delicato.

Ovviamente in ogni passaggio c’è il rischio che qualcuno perda definitivamente il lavoro. Ed è proprio questo che preoccupa la Cub Trasporti:«Si ripete quindi quanto già avvenuto in dicembre per l’appalto Mle-Bcube, dove purtroppo non sono stati assunti tutti i lavoratori occupati da coop Coros, che con i legali Cub trasporti hanno già impugnato la loro mancata assunzione» dice Renzo Canavesi.

«Abbiamo infatti tutti i motivi di stare in guardia anche con Alha, perché in questo passaggio non cerchi di aggirare norme di legge e contrattuali per cogliere l’occasione di ridurre il numero dei lavoratori da assumere e per imporre ai lavoratori dipendenti della coop Ncl cui conserverà il posto di lavoro, la sottoscrizione, in cambio di questa assunzione, di conciliazioni “tombali” con la rinuncia a tutte le controversie economiche del passato».