Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Brumana fa nuovi discepoli: "Lasciate che le civiche vengano a me!"

Sarà un movimento di cittadini e non una lista civica in senso stretto, la Costituente Civica guidata dall'avv. Franco Brumana e che giovedì 12 dicembre, al Welcome Hotel, radunerà "cittadini ai quali dovrà spettare l'ultima parola sulla scelta del candidato Sindaco attraverso le primarie, qualora si rendano disponibili piu persone che si riconoscano nel programma".

"Legnano ha bísogno della discesa in campo dei cittadini Legnano sta vivendo un periodo oscuro, simbolicamente ben rappresentato dal buio delle sue strade causato dal malfunzionamento dell'illuminazione pubblica. Gli arresti del Sindaco e di due assessori sono stati il suggello del degrado raggiunto dall'amministrazione comunale", spiega Brumana nel rilanciare il programma elettorale che "sarà un punto di partenza, perché verrà integrato e se del caso rielaborato a seguito dei confronti con i cittadini e con le realtà sociali ed economiche legnanesi".

        "Per queste ragioni - prosegue l'avvocato legnanese  - promuoviamo una "Costituente Civica", che dia vita a un movimento dei cittadini aperto alla collaborazione di tutti e che si fondi sulle finalità esposte nel programma, da noi predisposto e incentrato sulla partecipazione e sui temi piu importanti per la città, che da troppo tempo sono trascurati".

Infine l'attacco all'ex amministrazione: "E il momento di una riscossa straordinaria. Legnano deve essere nelle mani dei cittadini e non può ricadere in quelle delle forze politiche eredi della giunta Fratus. Per raggiungere questo obiettivo fondamentale, l'impegno dei cittadini potrà essere sostenuto anche dai partiti o dalle liste che si adegueranno al civismo e cioè all"interesse della città, da ritenersi prevalente sugli interessi delle singole componenti politiche", la conclusione di Brumana, aperta a un particolare ottimismo sulla possibilità di coinvolgere altri partiti e liste nel suo percorso, così come è già riuscito a coinvolgere personaggi appartenenti fino a ieri ad altri gruppi. Ricordiamo Nicolò Zanda, Alberto Stella e, come conferma lo stesso legale, Michela Cerini. Questa la sfida che tanto piace all'avvocato al quale, per sua ammissione, "non piacciono le cose semplici".

(Marco Tajè)