Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

ValpEagle - Mastini Varese 4-3

ValpEagle- Mastini Varese  4 - 3   (2:1  0:2  2:0)

Arriva una sconfitta di misura in trasferta su una pista complicata. Un 4 a 3 che condanna i gialloneri e lascia tantissimo rammarico per quanto mostrato.

     La partita si prospetta difficile per i gialloneri i quali provano fin da subito a creare occasioni da rete. Pilon è presto chiamato in causa da Odoni dalla distanza e poi da Vanetti, ma ci provano anche Franchini e Ilic,trovando però sempre un attentissimo e reattivo goalie avversario. Nuovamente i gialloneri spingono e al minuto 6 hanno un'occasione colossale ma Pilon è bravissimo a trattenere una conclusione ravvicinata. Qui si accende una inspiegabile rissa con un paio di avversari che se la prendono con Raimondi e poi intervengono anche Vehmanen e Ilic che non si tirano certo indietro. Per gli arbitri il vero colpevole è il difensore giallonero che finisce in panca puniti per 4 minuti, mentre vengono graziati i primi due giocatori di casa che hanno acceso la scintilla. In questa situazione di powerplay biancorosso Pozzi ne approfitta e sigla il vantaggio nel primo e unico tiro in porta della Valpeagle. Sugli sviluppi di una bellissima azione varesina M. Borghi trova il pareggio qualche istante dopo e l'inerzia della gara riprende come era cominciata. Varese non concretizza nessuno dei tre powerplay avuti a disposizione e la Valpe difende bene, sorretta da Pilon in serata di grazia. Quando non c'è lui, ci pensa Petrov a cancellare il vantaggio giallonero, fermando sulla linea un disco spinto da Raimondi. A 58" dalla prina sirena Schina viene mandato in panca puniti tra lo stupore suo e di alcuni compagni e, ancora in superiorità, una conclusione dalla distanza passa sotto il braccio di Tura e conclude la sua corsa in porta a 4" dall'intervallo.

Il secondo drittel vede una Valpe più reattiva e scattante e Varese va in difficoltà, ma il reparto difensivo tiene nonostante alcune incertezze. Proteste per un "gol non gol" marchiato Valpe e sulla ripartenza la quaterna ferma un contropiede varesino: protestano tutti e nessuno è soddisfatto. La partita un po' si incattivisce e paradossalmente questo stato d'animo carica i Mastini che riprendono a macinare gioco. Pilon torna assoluto protagonista. Parata mostruosa su Odoni, poi su M. Borghi e si ripete infine su Schina. Al 34'38" i gialloneri pareggiano i conti con Andreoni, il cui tiro dalla distanza si infila sotto l'incrocio. La squadra di casa appare nervosa e non riesce a uscire dal guscio. Questo stato "colpisce" anche Pilon: una conclusione dalla distanza di Re è parata dal portiere il quale, girandosi, spinge il disco in rete. Vantaggio Varese. Il fine tempo è da sofferenza pura: ad una penalità comminata a Franchini, fa seguito immediatamente una rimediata da Ilic e i gialloneri si trovano nuovamente in tre a difendere. Tura, a pochi secondi dalla sirena, sale in cattedra deviando miraolosamente un rasoghiaccio di De Biasio.

        L'inizio dell'ultimo drittel è di stampo biancorosso, forte delle penalità che costringono i gialloneri a giocare con l'uomo in meno. Tura compie un paio di interventi senza patemi, mentre il collega è protagonista su Odoni prima e su Raimondi poi, aiutato successivamente da Petrov che si pianta sulla linea a togliere il disco di Schina. Varese arretra il suo baricentro e fatica a ripartire, ma le azioni ci sono e le occasioni pure. Perna fallisce il poker e la Valpe,  ancora con l'uomo in più trova la rete del pareggio dalla distanza con Bertin che supera Tura. Passano 13" e l'intervento del portiere è incerto, a favore di Petrov che sigla il gol vittoria.

Mastini Varese